Blog: http://tgweb.ilcannocchiale.it

“Sulle Regole”. Gherardo Colombo ad Agrigento

  

Ha sicuramente fatto riflettere i fortunati cittadini (non solo agrigentini) che hanno assistito all’incontro con l’ex magistrato il tema  ricorrente del libro: le regole. Quale rapporto abbiamo noi cittadini (più esattamente direi sudditi) con le regole? Tendiamo ad eluderle? Forse ci indigniamo quando gli altri non le rispettano, ma cerchiamo tutte le scuse immaginabili quando siamo noi a disapplicarle. Spesso evitiamo di scandalizzarci per i comportamenti elusivi degli altri perché pensiamo, e speriamo, che così facendo anche noi profitteremo dello stesso trattamento. Quindi miriamo, secondo me, al fatto di arrivare a non rispettar le regole e a non doverci vergognare di questo comportamento, inconsapevoli, però, del danno che produciamo all’intero ordinamento.

 
Sempre a proposito di regole, quali sono quelle che stanno alla base di una società che mette al centro la “persona”? Cosa succede se ci discostiamo da questo principio? Perché l’Assemblea Costituente è stata così attenta e scrupolosa nel delineare una serie di norme inderogabili disegnando una società di tipo orizzontale basata sulla eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge? (Spero che su questo punto riflettiamo tutti sulle iniziative legislative intente a derogare ad un Supremo Principio)

Durante la presentazione è stato interessante il discorso su “sudditi e cittadini” e l’importanza che ha l’informazione. “Che differenza c’è tra un soggetto libero e  uno che non lo è?”- chiede Colombo. “Il cittadino libero può scegliere!” – risponde da sè.

È ovvio che per scegliere bisogna esser ben informati…

Ha parlato della paura della libertà, della paura di prenderci le nostre responsabilità con la conseguente scelta, più comoda, di assecondare e  seguire le direttive indicate da altri.

 Personalmente ero emozionato nel trovarmi a parlare con l’ex giudice Colombo (ho avuto la fortuna di colloquiare con lui prima dell’incontro pubblico) pensando ai grandi scandali di cui si è occupato nella sua carriera. Partendo dalle indagini sul delitto Ambrosoli e sullo strano rapimento di Sindona, Colombo scopre – insieme al collega Giuliano Turone, noto anche per aver fatto arrestare Luciano Liggio -  la loggia massonica P2, ed è protagonista della stagione di Mani pulite e dei processi Imi-Sir, Sme e Lodo Mondadori. Ha avuto, possiamo dire, delle belle gatte da pelare!!!

 

 A breve i video dell’incontro ;)

 


Pubblicato il 1/8/2008 alle 15.16 nella rubrica Articoli miei e aa.vv..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web