Blog: http://tgweb.ilcannocchiale.it

Cuffaro, il presidente che favorì i boss mafiosi! ...e secondo voi non continua a farlo?


Il presidente della regione Sicilia Totò Cuffaro condannato a 5 anni


La Repubblica - articolo del 18/01/08, giorno della sentenza

La repubblica - articolo del giorno dopo: Palermo, scontro Grasso-Cuffaro, "Ha favorito i singoli boss"

l'Unità - Mafia, 5 anni a Cuffaro: rivelò e usò segreti d'ufficio. (...le talpe c´erano, e Cuffaro le conosceva bene) riportate in breve anche le accuse confermate dalla condanna.

Il Sole 24ore - Cuffaro condannato a 5 anni per favoreggiamento ai mafiosi: «Resto al mio posto»

 - Il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso: "E' rimasto provato il favoreggiamento da parte del presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, di singoli mafiosi come Guttadauro, Aragona, Greco, Aiello e Miceli, ma tutto ciò non è stato ritenuto sufficiente a integrare l'aggravante contestata di avere agevolato l'associazione mafiosa Cosa Nostra nel suo complesso".

 - parla di: "...prova "diabolica" da trovare. Quella cioè che attribuirebbe il favoreggiamento non a singoli mafiosi ma all'intera organizzazione".

 - "Non c'è l'aggravante della mafia, ma la sentenza prova il favoreggiamento di Salvatore Cuffaro di singoli mafiosi come Giuseppe Guttadauro, Salvatore Aragona, Vincenzo Greco, Michele Aiello (il "re della sanità privata siciliana", accusato di essere socio del boss Bernardo Provenzano, ndr) e Domenico Miceli" ha detto ieri in serata il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, confermando che l'impianto dell'accusa ha retto.

Cosa dire del nostro (in quanto siciliano) bel presidente? Certo è, che rappresenta bene una parte della Sicilia, ma sicuramente non quella vicina a Boris Giuliano, Gaetano Costa, Cesare Terranova, Emanuele Basile, Pio la Torre, Dalla Chiesa, Chinnici, Borsellino, Falcone, Peppino Impastato, Giuseppe Fava, ecc. ecc.


Pubblicato il 19/1/2008 alle 12.46 nella rubrica Articoli miei e aa.vv..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web