.
Annunci online

  tgweb [ curiamoci con un po' di informazione... ]
         

Benvenuti su

Salvo Tgweb

_________________
 

Con l'ex magistrato Gherardo Colombo

Colombo ad Agrigento.
Articoli e  video:
link1; link2; link3.

______________

Ad Enna con il giornalista Lirio Abbate.
Presentazione del libro "I Complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento". (di Abbate e Gomez)

Incontro “Terra di mafia e di lotta alla mafia”
svoltosi a Palma di Montechiaro (AG)
foto con M. Travaglio (ottobre 2006)

Con M. Travaglio e S. Guzzanti in occasione della presentazione di "Intoccabili" e  "Reperto Raiot" a Palermo (2005)

 

V-DAY Agrigento

foto del V-Day agrigentino foto (clicca qui) e anche il video (clicca qui)

V2-DAY 

Qui il video del secondo v-day

V2-Day il video (clicca qui)

_________________

Manifesti "Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano presidente". Regionali 2008.

Con Sonia Alfano in visita presso il nosocomio agrigentino. (foto di Elio Di Bella)

Sonia Alfano ad Agrigento elezioni Europee 2009

 

_______________
TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI MA ALCUNI ANIMALI SONO PIU' UGUALI DEGLI ALTRI   G. Orwell
____________________ 

“La tragedia dell’Italia è la sua putrefazione morale, la sua indifferenza, la sua vigliaccheria”. Piero Calamandrei
____________________

"Non è la libertà che manca.
Mancano gli uomini liberi".          Leo Longanesi
_______________

"Può stare nel luogo santo chi ha mani innocenti e cuore puro. Mani innocenti sono mani che non vengono usate per atti di violenza. Sono mani che non sono sporcate con la corruzioni e con tangenti. Cuore puro, quando il cuore è puro? E' puro un cuore che non si macchia con menzogna e ipocrisia, un cuore che rimane trasparente come acqua sorgiva perchè non conosce doppiezza".
Papa Benedetto XVI
____________

Oggi la nuova resistenza in che cosa consiste. Ecco l'appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l'onestà e il coraggio. L'onestà... l'onestà... l'onestà. [...] E quindi l'appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c'è qualche scandalo. Se c'è qualcuno che dà scandalo; se c'è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!       Sandro Pertini

Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. [...] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero.       S. Pertini

Sono del parere che la televisione rovina gli uomini politici, quando vi appaiono di frequente.                              S. Pertini
__________
Non è necessario essere socialisti per amare Pertini. Qualunque cosa egli dica o faccia, odora di pulizia, di lealtà e di sincerità.                 Indro Montanelli
______________

"Veramente la scoperta che c'è un'Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. L'Italia della marcia su Roma, becera e violenta, animata però forse anche da belle speranze. L'Italia del 25 luglio, l'Italia dell'8 settembre, e anche l'Italia di piazzale Loreto, animata dalla voglia di vendetta. Però la volgarità, la bassezza di questa Italia qui non l'avevo vista né sentita mai. Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo". Indro Montanelli


31 maggio 2009

Rispondiamo alla balle del ministro (sic!) Maroni sparate durante la trasmissione "In Mezz'ora"



Maroni ha appena finito di elogiare il suo governo e i risultati ottenuti in tema di mafia.
Mi sarebbe piaciuto che la Annunziata avesse ricordato al Ministro come il suo governo abbia tolto alle procure le password necessarie per monitorare e sequestrare i conti correnti bancari dei boss.

Leggete da "Il Sole 24ore" l'articolo: Black-out sui conti dei mafiosi.
Un piccolo estratto:

«Dalla sera alla mattina – spiega il procuratore aggiunto di Palermo, Roberto Scarpinato – i ministeri della Giustizia e dell'Economia ce l'hanno tolta per motivi burocratici dopo avercela data, per grazia ricevuta, a distanza di 18 anni dalle previsioni legislative. La restituzione di quella password, a noi e a tutte le Procure, è la maniera migliore per onorare con i fatti e non a parole la memoria di Giovanni Falcone, della moglie e della scorta, morti 17 anni fa a Capaci».
«Con questa revoca – prosegue Scarpinato – siamo tornati agli anni in cui bisognava fare richiesta di informazioni a ogni singola banca. Nelle regioni del Sud c'è un problema ulteriore: il tessuto creditizio è profondamente inquinato, molte operazioni sospette vengono fatte sparire e non manca chi avvisa i boss delle indagini in corso. In questi mesi, a causa di questo scippo, abbiamo perso l'occasione per sequestrare miliardi. Scandalo nello scandalo, la password non è stata data neppure alla Banca d'Italia che ha il compito di contrastare il riciclaggio dei capitali sporchi».  >>continua>>

Leggi l'articolo per intero dal Sole-24ore


P.s.: bei tempi quelli in cui gli esponenti della Lega nord e il giornale La Padania  accusavano Berlusconi di essere mafioso e piduista!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. maroni mafia annunziata scarpinato

permalink | inviato da tgweb il 31/5/2009 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



29 maggio 2009

Un pericoloso clown... e non solo...

dalla stampa estera



Un pericoloso clown  (Grecia)
«Ho deciso di fondare un partito. Se non entro in politica vado a finire in galera e fallisco per debiti».
Questo è ciò che disse Silvio Berlusconi nell’estate del 1993 a Indro Montanelli, fondatore e direttore de «Il Giornale», chiedendogli di trasformare il giornale in un organo del suo nuovo partito, che si sarebbe chiamato Forza Italia. Montanelli, uno dei più autorevoli giornalisti che l’Italia abbia avuto, rifiutò e pochi mesi più tardi, sotto forti pressioni, fu costretto a dimettersi. Da allora, fino alla sua morte nel 2001, non ha cessato di denunciare il berlusconismo, un fenomeno che considerava più pericoloso anche del suo stesso leader Berlusconi, in quanto porta gli italiani ad accalcarsi sotto al «balcone» del Messia. Montanelli paragonava spesso Berlusconi a Mussolini e gli piaceva ripetere una frase di quest’ultimo: «Come si fa a non diventare dittatori in un paese di servi?».
>>continua>>

Berlusconi controlla il potere in Italia mediante la “dittatura mediatica” (Messico)
Campione moderno del “populismo mediatico”...>>continua>>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi

permalink | inviato da tgweb il 29/5/2009 alle 17:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



21 maggio 2009

Augusto Minzolini direttore del Tg1



Ecco come si dà l’esempio a tutti i giornalisti e per analogia ai cittadini in genere.

Mostrarsi servi e sempre accondiscendenti con il padrone porta a laute ricompense.

Difendere a spada tratta il tiranno, qualunque siano le sue azioni od omissioni, assicura cospicui doni.

Sono anni che faccio caso a come questo sedicente giornalista si batte per difendere l’indifendibile ogni volta che è ospite in qualche trasmissione tv.

La sua era (ed è) una missione: difendere il Cavaliere (nero) di Ar(d)core.

Adesso è arrivato il giusto riconoscimento, il giusto premio, e cioè la carica di direttore del tg1.

Ma voi potete immaginare come sarà diretto questo telegiornale?

Non è che per caso dovremo rimpiangere Riotta e il suo tg1? Siamo al baratro!

In molti, frequentatori o amici del palazzo, diranno che finalmente c’è l’uomo giusto al posto giusto (il momento, poi, è sempre giusto – vedi imminenti elezioni).

I potenti faranno sonni tranquilli. Le loro vergogne saranno sempre ben celate ai cittadini.  

Chi ha caldeggiato la sua nomina sa che quest’uomo è una garanzia.

Chi ha preso il potere (lo si può dire) è sicuro di perpetuarlo in eterno, finché potrà contare su simili cortigiani.

 

p.s.: invito a far delle ricerche e vedere qualche video sul nuovo direttore!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. minzolini tg1

permalink | inviato da tgweb il 21/5/2009 alle 19:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



20 maggio 2009

Corruttore dimettiti!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lodo alfano berlusconi

permalink | inviato da tgweb il 20/5/2009 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



6 maggio 2009

I migliori sempre in Sicilia. ...Io mi vergogno!

I siciliani meritano questo? Forse si.
Ecco chi candida il PdL alle europee.
Scommetto che prenderà tanti voti...


Ecco un altro post nel quale ricordavo che quelli del PdL  avevano provato a rimandarlo in parlamento nonostante l'ennesima pessima figura  fatta fare al Paese, innanzi al mondo intero. vedi post

La sua frase celebre (urlata): «Cesso! Sei un cesso… Merda, sei una merda…, checca, sei una checca squallida».
Dopo queste frasi Gianfranco Fini aveva promesso di non candidarlo più... (per dirla con Benigni: quando dice una cosa Fini.... auhau hauhauh)

Attualmente, il pregiatissimo Strano,  ha anche una condanna in primo grado a due anni e due mesi di reclusione per abuso d’ufficio e  violazione della legge elettorale, insieme all'ex sindaco Scapagnini (medico personale di Berlusconi, premiato per il disastro finanziario del comune di Catania con la nomina a Deputato).





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nino strano europee

permalink | inviato da tgweb il 6/5/2009 alle 23:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



1 maggio 2009

Bisogna esserne fieri, ma i tg italiani la pensano diversamente...






All’indomani della consegna del premio per il giornalismo libero a Marco Travaglio, conferito ieri a Berlino dall’associazione dei giornalisti tedeschi Djv, la redazione di Voglioscendere ha provato vivo stupore nel rilevare che ben quattro testate on line facilmente rintracciabili dai motori di ricerca riportavano la notizia in Italia. Desideriamo ringraziare, per questo, agoravox, youreporter, Cronaca 24 e Brindisi Sera.

La premiazione si è svolta in un’atmosfera piacevole e in un clima di stima reciproca. Forse in virtù di questo il tg1 non ha ritenuto di dovere manifestare lo stesso interesse mostrato per Marco in altre occasioni. Forse, chissà. Preferiamo affidarci alle parole di Ilaria Pompei, una ragazza che ieri era a Berlino e che ha potuto seguire la premiazione in prima persona, condividendo con noi le sue riflessioni e alcuni scatti della serata. A lei e a tutti gli amici che hanno condiviso la bella notizia, grazie.
La redazione


La lettera e le foto di Ilaria


Ieri ho assistito all'assegnazione del premio a Marco Travaglio qui a Berlino. Con mio grande disappunto (ma il mio intuito già lo sospettava) ho visto che nessun giornale italiano ha parlato dell'evento.
Nel mio piccolo, farò una piccola "azione di disturbo" per far sapere ai quotidiani italiani quello che è successo ieri (alla faccia di tutti i paggi e servitori!).
Ieri ho conosciuto dei ragazzi che vivono qui in Germania e, tra registratori, foto e articoli su piccole riviste, ci daremo da fare con i mezzi che abbiamo a disposizione, per diffondere il più possibile la notizia. In fondo, siamo o non siamo la generazione che sta crescendo con facebook, flickr e blog vari?!
Cordiali saluti, e ringrazi Travaglio della sua simpatia e disponibilità: per la prima volta in 23 anni mi sono sentita orgogliosa di essere italiana.
Ilaria


              

La notizia sulla stampa estera

Marco Travaglio wurde ausgezeichnet (djv.de) - la traduzione (a cura di italiadallestero.info)
Marco Travaglio mit DJV-Preis der Pressefreiheit ausgezeichnet (firmenpresse.de)
Marco Travaglio mit DJV-Preis der Pressefreiheit ausgezeichnet (marketing-boerse.de)
Une synthèse sur la situation politico-médiatique italienne (mediapart.fr)
Italian journalist receives German press freedom award (earthtimes.org)

Avvistamenti della notizia scomparsa che giungono alla redazione

A Travaglio il premio “libertà di stampa” dei giornalisti tedeschi (Micromega.net)
A Travaglio premio libertà di stampa dei giornalisti tedeschi  (Wall Street Italia)
Marco Travaglio su RaiNews24 - 29 aprile 2009 (19luglio1992.com)
Il discorso di Marco Travaglio alla premiazione della Djv - guarda il video


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. travaglio premio giornalismo

permalink | inviato da tgweb il 1/5/2009 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile        giugno
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom