.
Annunci online

  tgweb [ curiamoci con un po' di informazione... ]
         

Benvenuti su

Salvo Tgweb

_________________
 

Con l'ex magistrato Gherardo Colombo

Colombo ad Agrigento.
Articoli e  video:
link1; link2; link3.

______________

Ad Enna con il giornalista Lirio Abbate.
Presentazione del libro "I Complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento". (di Abbate e Gomez)

Incontro “Terra di mafia e di lotta alla mafia”
svoltosi a Palma di Montechiaro (AG)
foto con M. Travaglio (ottobre 2006)

Con M. Travaglio e S. Guzzanti in occasione della presentazione di "Intoccabili" e  "Reperto Raiot" a Palermo (2005)

 

V-DAY Agrigento

foto del V-Day agrigentino foto (clicca qui) e anche il video (clicca qui)

V2-DAY 

Qui il video del secondo v-day

V2-Day il video (clicca qui)

_________________

Manifesti "Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano presidente". Regionali 2008.

Con Sonia Alfano in visita presso il nosocomio agrigentino. (foto di Elio Di Bella)

Sonia Alfano ad Agrigento elezioni Europee 2009

 

_______________
TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI MA ALCUNI ANIMALI SONO PIU' UGUALI DEGLI ALTRI   G. Orwell
____________________ 

“La tragedia dell’Italia è la sua putrefazione morale, la sua indifferenza, la sua vigliaccheria”. Piero Calamandrei
____________________

"Non è la libertà che manca.
Mancano gli uomini liberi".          Leo Longanesi
_______________

"Può stare nel luogo santo chi ha mani innocenti e cuore puro. Mani innocenti sono mani che non vengono usate per atti di violenza. Sono mani che non sono sporcate con la corruzioni e con tangenti. Cuore puro, quando il cuore è puro? E' puro un cuore che non si macchia con menzogna e ipocrisia, un cuore che rimane trasparente come acqua sorgiva perchè non conosce doppiezza".
Papa Benedetto XVI
____________

Oggi la nuova resistenza in che cosa consiste. Ecco l'appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l'onestà e il coraggio. L'onestà... l'onestà... l'onestà. [...] E quindi l'appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c'è qualche scandalo. Se c'è qualcuno che dà scandalo; se c'è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!       Sandro Pertini

Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. [...] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero.       S. Pertini

Sono del parere che la televisione rovina gli uomini politici, quando vi appaiono di frequente.                              S. Pertini
__________
Non è necessario essere socialisti per amare Pertini. Qualunque cosa egli dica o faccia, odora di pulizia, di lealtà e di sincerità.                 Indro Montanelli
______________

"Veramente la scoperta che c'è un'Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. L'Italia della marcia su Roma, becera e violenta, animata però forse anche da belle speranze. L'Italia del 25 luglio, l'Italia dell'8 settembre, e anche l'Italia di piazzale Loreto, animata dalla voglia di vendetta. Però la volgarità, la bassezza di questa Italia qui non l'avevo vista né sentita mai. Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo". Indro Montanelli


10 ottobre 2009

Studiamo la Costituzione



Si può sapere, una volta per tutte, se il Presidente della Repubblica esercita o meno una qualche forma di controllo sulle leggi che il Parlamento gli presenta?
Sul punto in questi ultimi tempi se ne sentono di tutti i colori. È evidente che c’è molta confusione, spesso impera l’ignoranza, sovente la malafede.
Il luogo più pericoloso come al solito è la televisione. I dibattiti che di frequente prendono vita non portano a chiarire le idee del povero, e spesso disarmato, ascoltatore.
Secondo me, il conduttore di una trasmissione, dopo aver lasciato parlare i suoi ospiti, alla fine dovrebbe intervenire e rivelare agli spettatori come stanno realmente le cose.
Nel caso in esame basterebbe munirsi di una Costituzione esplicata, e squadernarla come risolutiva dell’arcano.
La gente capirebbe così che è lontano dal dettato costituzionale chiunque accusa l’on. Di Pietro (così come Beppe Grillo o Marco Travaglio per fare qualche esempio) di dire assurdità.
 
 
 Per chi non avesse a casa un testo del genere (la bibbia del cittadino italiano), riporto il contenuto dell’art. 74 della Costituzione:
 «Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione. Se le Camere approvano nuovamente la legge, questa deve essere promulgata».
 
A questo punto, senza alcuno sforzo esegetico, possiamo capirne di più leggendo l’apposito commento:
 «Il Capo dello Stato può esercitare un potere di veto sospensivo, può cioè rinviare il testo di legge alle Camere perché lo riesaminino, indicando le ragioni per le quali non lo ha promulgato. Tali ragioni si riferiscono alla legittimità ed opportunità costituzionale della legge, vale a dire al contrasto tra le norme in esse previste e quelle della Costituzione. Se però il Parlamento riapprova il medesimo testo, il Presidente della Repubblica non può far altro che promulgarlo».
 
   Quindi il Presidente non può rispondere ad un cittadino che, per es., gli chiede di non firmare lo “scuso fiscale”, che Lui firma perché poi comunque dovrebbe farlo lo stesso. Non è questo il senso della norma. A questo punto, si potrebbe cancellare quest’articolo.
È importante il segnale che si dà firmando o meno, indicando in caso negativo i punti dolenti della legge. Poi i cittadini prenderanno atto che il Parlamento non ha dato seguito ai rilievi sollevati dal Capo dello Stato. E se successivamente venisse sollevata la questione di illegittimità costituzionale e la norma venisse dichiarata incostituzionale, il “garante della Costituzione” non farebbe una magra figura.
 
 
 Continuando la lettura un'ulteriore nota spiega:
 «La norma delinea la figura del Presidente della Repubblica come il garante dei valori e dei principi fondamentali sanciti dalla Costituzione. Il Capo dello Stato deve porsi come il principale responsabile della difesa dell’integrità del sistema democratico, bloccando, con il suo rifiuto alla promulgazione, leggi potenzialmente eversive dell’ordinamento costituzionale».
 
 
 P.s.: Un principio fondamentale è, ad esempio, l’eguaglianza dei cittadini davanti alla legge, sancito dall’art. 3.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napolitano di pietro costituzione

permalink | inviato da tgweb il 10/10/2009 alle 19:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



9 ottobre 2009

Bocciato il lodo Alfano!

 

La "bocciatura" del cosiddetto lodo Alfano ha dimostrato che aveva ragione chi raccoglieva le firme per spazzare via questa ignobile legge (tramite referendum).

Con molto piacere ricordo che nella provincia di Agrigento sono state raccolte a tal fine più di 10.000 firme.
Alle persone che la pensavano diversamente, come è loro diritto, vorrei solo porgere l'invito a leggere e ad amare questa nostra Costituzione e a valutare bene chi - come il sig. Silvio Berlusconi - la considera una palla al piede, oltre a  definirla "filosovietica".
Sappiamo bene che questa Costituzione ci è invidiata da tutti i Paesi democratici; e che essa sembra addirittura aver ispirato i principi enunciati nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

Riporto un mio articolo con il quale, oltre ad invitare a firmare per l'abolizione del cd. Lodo, indicavo le "insuperabili perplessità di legittimità costituzionale" sollevate dai costituzionalisti.

ecco il testo:
Ancora una volta siamo chiamati ad esprimerci su una questione molto delicata che riguarda la messa in discussione di quei principi fondamentali sui quali è basata la nostra Carta Costituzionale. Come sapete, la Legge delle Leggi, la nostra amata Costituzione, giorno dopo giorno è  bersaglio di forti attacchi - da parte di una classe politica sempre più  arrogante e dispotica - che, minandone le basi, riescono a snaturarla ed a stravolgerla. E’ giunto il momento di dire basta e far sentire la nostra voce. Voce di cittadino stanco di essere un umile suddito. Cittadino che ha il dovere di non restare a casa, di non girarsi dall’altra parte, perché consapevole che la prossima volta sarà anche peggio. Che “l’ultima volta” sarà a sua volta la “penultima volta”.  Che la dignità non ha prezzo.
Ogni volta si sperimentano leggi indecenti e si misura il grado di indignazione del popolo. Se non seguono sufficienti reazioni la classe dirigente sa che è possibile continuare ad osare, perché il popolo è assuefatto, il grado di indignazione è prossimo allo zero (grazie anche ad un’informazione inesistente e servizievole).

Il lodo Alfano è una legge che va ai più presto eliminata. Innanzitutto, la Costituzione esclude che il popolo possa, con il voto, rendere immuni i titolari di cariche elettive da procedimenti giudiziari (cfr. art.1 cost.). E questo è ciò che avviene in questo momento. In merito ancora al cosiddetto Lodo, i costituzionalisti parlano di "insuperabili perplessità di legittimità costituzionale" ; rilevano inoltre che il Lodo Alfano "viola, oltre alla ragionevole durata dei processi e all'obbligatorietà dell'azione penale, anche e soprattutto l'art. 3, comma 1 Cost., secondo il quale tutti i cittadini "sono eguali davanti alla legge".       
 >>continua>>>
 leggi tutto e apri i link di approfondimento


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi costituzione alfano lodo alfano

permalink | inviato da tgweb il 9/10/2009 alle 13:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



8 ottobre 2009

Il poveretto non fa più bagni di folla.



Che fine hanno fatto i bagni di folla?

Questa è la domanda che si farebbe un normale cittadino scoprendo, sorpreso, come viene accolto Silvio dalla gente in giro per il Paese. Ma non era amatissimo dal 70% della popolazione? Vuoi vedere che il restante 30% è andato a Messina?

Si tratta ovviamente delle solite balle spaziali a cui ci ha abituato il nostro giovane premier Silvio Impunito.

Balle che risulterebbero ancor più plateali se si facesse vedere in tv quanto invece è contestato ovunque metta i suoi pregiatissimi tacchi.

È evidente che quando in tutti i canali televisivi assistiamo alle immagini del premier osannato dalle masse ci troviamo innanzi ad una messa in scena, una farsa, una pagliacciata.

Gente facente parte del suo entourage ovvero semplici portatori di livrea. Il più delle volte mesti figuranti.

 

Nel video c'è di tutto.

Fantastica la parte in cui i “servi” impiegati dei tg vengono presi per quello che sono. Ed infatti, conseguentemente, per non far vedere ai cittadini che guardano i tg, e per evitare che qualcuno prenda esempio, quelle specie di giornalisti annunciano che faranno la diretta tv dall'interno del palazzo perché fuori la gente dissente e protesta.

Perché poi riuscirebbe difficile far credere ai telespettatori che quelle persone facciano parte di qualche movimento sovversivo, facente capo magari ai poteri occulti.

Trovo emozionante vedere come questi siciliani gliene cantano quattro! Dalle immagini è chiaro che questa è gente con problemi che vanno ben oltre quello di trovare un posto in qualche fiction o in trasmissioni tv. Forse avrebbero dovuto portare con sé un book fotografico e lasciarlo al Presidente!

E cosa dire delle donne, anche di età matura, sfuggite ai tg di Fede e Minzolini?

 

Ascoltate nel video la voce del popolo, la disperazione della gente normale che non riesce a convincersi che tutto va bene e che “meno male che Silvio c’è”!

 

Ci tengo infine a sottolineare che di immagini così è piena la rete, ma ne è vuota l’informazione in tv.

 

Per il premio “coro dell’anno” segnalo l’interessante e simpatico coretto (risultato poi anche di buon auspicio) che prende vita intorno al minuto 07:16:

“berlusconi sei un ladro non ti salva il lodo alfano - berlusconi sei un ladro non ti salva il lodo alfano   …da ripetere ad libitum!

 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. video berlusconi messina

permalink | inviato da tgweb il 8/10/2009 alle 11:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 ottobre 2009

Belpietro... "dove ha preso i soldi?"



Maurizio Belpietro sì che è un grande giornalista.

L’altra sera, durante l’ultima puntata di Annozero, l’ex direttore di Panorama ha chiesto insistentemente a Patrizia D’Addario da dove venissero i suoi soldi. Neanche fosse il Presidente del Consiglio.

Io credo che la D’Addario non sia tenuta a dire un bel niente a Belpietro, dato che lei non ricopre alcuna carica istituzionale (anche se a dir la verità qualcuno nel Pdl voleva farle avere una bella carriera politica, non so in base a quali meriti e criteri…), non amministra la nostra vita e non le paghiamo uno stipendio.

Detto ciò, colgo l’occasione per ricordare come da lustri il Cavalier Bugiardoni non risponde a quella domanda che tanto oggi piace all’attuale direttore di “Libero” (sic!).

La domanda, in quest’ultimo caso, era pertinente, si rivolgeva ad un signore che un po’ vestiva i panni del Presidente del Consiglio e un po’ quelli del capo dell’opposizione.

In un altro Paese i media non avrebbero mollato finché non fosse arrivata una risposta credibile. Ricordo infine che anche ai magistrati che domandavano è stato offerto un bel due di picche.

Adesso voglio concludere con la domanda (che è sempre attuale) formulata da Daniele Luttazzi in una memorabile puntata di Satiricon, avente come ospite Marco Travaglio:

“Cavaliere, dove ha preso i soldi?”






sfoglia     settembre        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom