.
Annunci online

  tgweb [ curiamoci con un po' di informazione... ]
         

Benvenuti su

Salvo Tgweb

_________________
 

Con l'ex magistrato Gherardo Colombo

Colombo ad Agrigento.
Articoli e  video:
link1; link2; link3.

______________

Ad Enna con il giornalista Lirio Abbate.
Presentazione del libro "I Complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento". (di Abbate e Gomez)

Incontro “Terra di mafia e di lotta alla mafia”
svoltosi a Palma di Montechiaro (AG)
foto con M. Travaglio (ottobre 2006)

Con M. Travaglio e S. Guzzanti in occasione della presentazione di "Intoccabili" e  "Reperto Raiot" a Palermo (2005)

 

V-DAY Agrigento

foto del V-Day agrigentino foto (clicca qui) e anche il video (clicca qui)

V2-DAY 

Qui il video del secondo v-day

V2-Day il video (clicca qui)

_________________

Manifesti "Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano presidente". Regionali 2008.

Con Sonia Alfano in visita presso il nosocomio agrigentino. (foto di Elio Di Bella)

Sonia Alfano ad Agrigento elezioni Europee 2009

 

_______________
TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI MA ALCUNI ANIMALI SONO PIU' UGUALI DEGLI ALTRI   G. Orwell
____________________ 

“La tragedia dell’Italia è la sua putrefazione morale, la sua indifferenza, la sua vigliaccheria”. Piero Calamandrei
____________________

"Non è la libertà che manca.
Mancano gli uomini liberi".          Leo Longanesi
_______________

"Può stare nel luogo santo chi ha mani innocenti e cuore puro. Mani innocenti sono mani che non vengono usate per atti di violenza. Sono mani che non sono sporcate con la corruzioni e con tangenti. Cuore puro, quando il cuore è puro? E' puro un cuore che non si macchia con menzogna e ipocrisia, un cuore che rimane trasparente come acqua sorgiva perchè non conosce doppiezza".
Papa Benedetto XVI
____________

Oggi la nuova resistenza in che cosa consiste. Ecco l'appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l'onestà e il coraggio. L'onestà... l'onestà... l'onestà. [...] E quindi l'appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c'è qualche scandalo. Se c'è qualcuno che dà scandalo; se c'è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!       Sandro Pertini

Per me libertà e giustizia sociale, che poi sono le mete del socialismo, costituiscono un binomio inscindibile: non vi può essere vera libertà senza la giustizia sociale, come non vi può essere vera giustizia sociale senza libertà. Ecco, se a me socialista offrissero la realizzazione della riforma più radicale di carattere sociale, ma privandomi della libertà, io la rifiuterei, non la potrei accettare. [...] Ma la libertà senza giustizia sociale può essere anche una conquista vana. Si può considerare veramente libero un uomo che ha fame, che è nella miseria, che non ha un lavoro, che è umiliato perché non sa come mantenere i suoi figli e educarli? Questo non è un uomo libero.       S. Pertini

Sono del parere che la televisione rovina gli uomini politici, quando vi appaiono di frequente.                              S. Pertini
__________
Non è necessario essere socialisti per amare Pertini. Qualunque cosa egli dica o faccia, odora di pulizia, di lealtà e di sincerità.                 Indro Montanelli
______________

"Veramente la scoperta che c'è un'Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. L'Italia della marcia su Roma, becera e violenta, animata però forse anche da belle speranze. L'Italia del 25 luglio, l'Italia dell'8 settembre, e anche l'Italia di piazzale Loreto, animata dalla voglia di vendetta. Però la volgarità, la bassezza di questa Italia qui non l'avevo vista né sentita mai. Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo". Indro Montanelli


12 luglio 2010

"Signori della Corte, questa è la cronaca di una morte annunciata". Ricordiamo Giorgio Ambrosoli.



"Di fronte a un Cuccia che tace per anni, c'è un Ambrosoli che il giorno dopo la prima telefonata sale le scale del palazzo di giustizia e sporge la sua denuncia. Erano uomini diversi. L'uno è ancora a capo di Mediobanca, e l'altro è entrato nella storia. Lasciatemelo dire senza retorica. Giorgio Ambrosoli sarà ricordato come un esempio assoluto di dedizione al dovere e allo Stato" (P.M. Guido Viola, processo Ambrosoli).

Trentuno anni fa moriva Giorgio Ambrosoli. Solitario eroe e servitore delle Stato mai adeguatamente ricordato e celebrato.
Il motivo è semplice. Il suo potrebbe essere un pernicioso esempio per il sistema Italia, che vive e si alimenta grazie ai cattivi modelli delle classi dirigenti. All'aiuto di un sistema informativo del tutto servile e compiacente. E, dulcis in fundo, mercè il nostro disinteresse.

La storia di Ambrosoli andrebbe raccontata e studiata per bene. Vi invito a farlo da soli  e sin da ora (prima che ci convincano che Mangano siano davvero un eroe!).
Molto bello il libro del figlio, Umberto, intitolato "Qualunque cosa succeda". Nel leggerlo mi sono venuti più volte i brividi.
Personalmente vorrei ricordarlo con uno splendido articolo del 10 dicembre 1985, a firma di Fabrizio Ravelli, pubblicato su Repubblica. Di seguito l'articolo.

MILANO - Al processo Ambrosoli ha la parola il pubblico ministero Guido Viola. E' in piedi, dietro al suo banco che i difensori hanno affollato di piccoli registratori per poter riascoltare poi il loro avversario. Anche Viola tiene in mano uno di questi aggeggi, accostato al microfono, e traffica con i pulsanti. "Pronto, avvocato!", si sente. In aula qualcuno ridacchia, pensando a un errore, a un' interferenza. Viola spegne, e ritorna daccapo. "Pronto, avvocato!", ripete la voce. "Buon giorno", risponde un' altra voce, bassa e calma. "Buon giorno. L' altro giorno ha voluto fare il furbo. Ha fatto registrare tutta la telefonata", la prima voce è minacciosa, e ha un pesante accento siciliano. Nell' aula s' è fatto silenzio: ora tutti hanno capito di cosa si tratta. "Chi glielo ha detto?", chiede la voce bassa, e ora tutti sanno che è quella di Giorgio Ambrosoli. Risponde il picciotto: "Eh, sono fatti miei chi me l' ha detto. Io la volevo salvare, ma da questo momento non la salvo più". "Non mi salva più?". "Non la salvo più, perchè lei è degno solo di morire ammazzato come un cornuto! Lei è un cornuto e un bastardo!". Viola spegne il registratore. Silenzio glaciale: è la prima volta che si ascoltano in pubblico quelle tremende minacce. "Signori della Corte, questa è la cronaca di un morte annunciata", attacca il pubblico ministero. E' la prima delle due puntate della sua requisitoria, in questo processo per la morte dell' avvocato Giorgio Ambrosoli e per le altre malefatte del clan sindoniano. Michele Sindona, anche oggi, non s' è fatto vedere. C' è invece, nel gabbione, l' imperturbabile Robert Venetucci: sta in piedi accostato alle sbarre, e ascolta la traduzione che gli fa una giovane interprete. Guido Viola è emozionato, si vede. Parla quasi sempre rivolto ai giudici popolari. Sono undici anni che lavora a questa vicenda, e ancora oggi lo sdegno e il nervosismo gli fanno infilare qualche accento enfatico. Fra gli avvocati c' è chi sorride, ripromettendosi di batterlo sul terreno dell' oratoria. Ma c' è proprio poco da ridere: la storia che Viola racconta è ancora tutta da ascoltare e da studiare. Il pubblico ministero comincia da lontano, dal 1974 che segnò per Michele Sindona l' ora del crack. "Michele Sindona si è sentito sempre tradito: un sistema politico gli aveva consentito di arrivare dov' era arrivato. Ma come, pensò, ora mi fate fallire? Ma chi è stato a provocare la mia caduta? Lui non ha mai pensato che era stato il suo comportamento. ...  >> continua >>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. andreotti ambrosoli mafia calvi sindona

permalink | inviato da tgweb il 12/7/2010 alle 12:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



24 gennaio 2010

Totò Cuffaro condannato anche dalla corte di appello. Questa volta riconosciuta finanche l'aggravante mafiosa.

Dopo la condanna a 7 anni inflitta ieri al senatore udc Totò Cuffaro (ex presidente della regione Sicilia) dalla Corte di Appello di Palermo, per favoreggiamento aggravato dall'avere agevolato la mafia e rivelazione di segreto istruttorio, mi sovviene una brillante scenetta andata in onda qualche anno fa.

 

Ecco  il commento di allora: Totò Cuffaro, un uomo, una coppola! (apri il link)

 

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cuffaro mafia udc

permalink | inviato da tgweb il 24/1/2010 alle 16:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



5 gennaio 2010

Ricordiamo Pippo Fava. Ricordiamolo anche a Dell'Utri poiché afferma di non conoscerlo. Vergogna!

Il 5 gennaio del 1984 Giuseppe Fava, giornalista, intellettuale, scrittore, veniva ucciso da mano mafiosa.
Io voglio ricordarlo riproponendo - come ormai faccio ogni anno - una sua famosa intervista rilasciata ad Enzo Biagi nel 1983. 
Le sue parole
  risuonano vive e forti ancora oggi. È triste rendersi conto di quanto nulla sia cambiato, se non addirittura peggiorato.
"... i mafiosi stanno in parlamento, sono a volte ministri, sono banchieri, sono quelli che in questo momento sono ai vertici della nazione.... Il problema della mafia è molto più tragico e importante, è un problema di vertici della nazione che rischia di portare alla rovina, al decadimento culturale definitivo l'Italia..."


P.s.: guardate il video in cui Dell'Utri dice a Piero Ricca di non conoscere Pippo Fava: "chi lo conosce? Sarà amico suo!". La vergogna in questo Paese non ha limiti.  http://www.pieroricca.org/2008/03/14/marcello-dellutri/


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia ricca enzo biagi giuseppe fava

permalink | inviato da tgweb il 5/1/2010 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa



25 settembre 2009

Angelino Alfano e il giudice Rosario Livatino. C'è forse antinomia?


“Allora dobbiamo essere governati da gente legata alla mafia.. è un Paese civile o no? ...è così! bisogna essere umiliati!”.
Queste le parole pronunciate da Paolo Sylos Labini nel 2001 con le quali vorrei destare gli animi, ormai sopiti, di noi poveri iloti italiani.

La domanda la faccio io: si può essere il burattino di Berlusconi e nel frattempo intitolare una sala del ministero ad un giudice ucciso dalla mafia?
Certo che si può, con quella faccia tosta si può tutto.

Premesso che sicuramente il giudice Livatino merita questo e altro, sono convinto che a lui poco importerebbe avere un'aula intitolata; sicuramente preferirebbe che lo Stato facesse davvero la lotta alla mafia, ed anzi, preferibilmente, che lo Stato non sia un tutt’uno con essa.

Ma veniamo al punto.

Sento il bisogno di esternare il mio stato d’animo in seguito ai servizi mandati in onda ieri su tutti i tg.
Non vi nascondo che sono sempre più nauseato di assistere a cerimonie prive di contenuti, di veder dar lustro a certo ciarpume.
Alfano parla di Livatino come modello “ideale”. E fa bene.
Ma qualcosa non mi convince. Ne parla bene perché il giudice è ormai defunto?
Mi domando quale trattamento avrebbe riservato a lui (un magistrato che faceva il suo dovere) la classe dirigente del Paese, con al seguito le tv padronali.
Chissà, probabilmente sarebbe stato trasferito, calunniato, bastonato col tubo catodico, delegittimato o quant’altro.
Nell’occasione della ricorrenza dell’assassinio del giudice canicattinese, il ministro siciliano elenca una serie di qualità che dovrebbe possedere un giudice, lasciando chiaramente intendere il pensiero suo e della banda bassotti a cui appartiene. E cioè che i giudici oggi sono pieni di pregiudizi ideologici; che giudicano senza obiettività i fatti; che valutano le persone sottoposte al loro giudizio non per quello che hanno commesso ma per quello che sono; non sono e non appaiono sereni e indipendenti; e altre corbellerie del genere.

L’Alfano pensiero è stupendo: il magistrato “ideale” non rilascia interviste.
Si evince da ciò che magistrati come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino non erano dei buoni magistrati, non erano “ideali”. Troppe interviste!
Qualcuno dei presenti poteva farlo notare, ma sembrava male, meglio non disturbare.


Il momento sublime si ha quando l'eccelso Alfano afferma incauto: “Tocca a noi passare il testimone alle nuove generazioni”.
Infatti le nuove generazione hanno ancora impresso nella mente quel grande messaggio lanciato all’unisono da Berlusconi e Marcello Dell’Utri: “Vittorio Mangano eroe!”.

E se Mangano è eroe, per definizione eroi non potranno mai essere Borsellino, Falcone, e neanche Livatino. Perché delle due l’una, o sei mafioso o sei eroe di Stato.

“Io in un paese come questo non voglio vivere, preferisco morire, preferisco andare a trovare mio fratello [Paolo Borsellino], io non posso vivere in un Paese in cui Mangano viene proclamato eroe…”…“Noi non dobbiamo permettere di vivere in un Paese in cui eroe è Mangano e non Emanuela Loi. Noi non possiamo accettare di vivere in un Paese come questo…”

Io sto con Salvatore Borsellino, voi fate pure.








4 settembre 2009

Dalla Chiesa. La mano fu mafiosa... il resto?

In ricordo di Dalla Chiesa

 


Ieri molti tg hanno mandato in onda servizi sulla commemorazione del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa inscenando il solito teatrino del "ricordo" e della "lotta alla mafia".

In merito a quest’ultima è inutile accennare alla non credibilità delle nostre istituzioni quando parlano di lottare e sconfiggere Cosa nostra.

Invece, la questione che più mi avvilisce è quella del perché non si vogliono far sapere alla maggior parte dei cittadini i retroscena di quell’omicidio.

Penso sia il modo più giusto per “ricordare” il generale nominato prefetto e spedito a Palermo in quella primavera del 1982.

Perché nessuno ricorda ciò che il generale scriveva nei suoi diari in merito alla sua spedizione a Palermo?

Perché non accennare al resoconto scritto nello stesso diario, dopo essere stato convocato da Andreotti per un incontro?

Cosa scriveva nero su bianco, all’allora presidente del Consiglio Spadolini, della “corrente andreottiana” il generale?

Cos’altro sulle sue preoccupazioni esternate a Rognoni (allora ministro degli Interni) in merito allo scontro che lo attendeva in Sicilia con la corrente andreottiana e Salvo Lima?

Perché quelle resistenze a concedere i poteri di coordinamento che richiedeva?

Quali le anomalie di quell’omicidio?

Chi aveva interesse ad eliminare il generale?

La mafia voleva davvero commettere quel delitto? Gli conveniva?

Cosa dicevano i cugini Salvo in merito a questo omicidio a Vito Ciancimino?

Cosa affermano autorevoli collaboratori di giustizia? Qualche riferimento alla P2?

Perché quella voglia di preannunciare e rivendicare l’omicidio quando ancora il prefetto non aveva posto in essere alcuna azione contro la mafia?

Tante le domande che meriterebbero un piccolo dibattito su giornali e tv.

Nel mio piccolo, consiglio la lettura del libro “Il itorno del principe” per avere un’idea su come da sempre gli alti piani del potere hanno tramato contro i nostri interessi di cittadini.

Infine, ecco le parole proferite ieri da Rita Dalla Chiesa alle quali non è seguita alcuna eco: «Mio padre puntava a minare quei rapporti di collusione fra politica e mafia che hanno fatto tante vittime e che continuano a essere avvolti nel mistero».


P.s.: I cittadini di Palermo tenuti lontano dallla cerimonia e gli stendardi del comune di fronte la celebre lavanderia di Tanino Cinà (già amico di Silvio e Marcello)!!!




2 agosto 2009

Riflessioni sul sequestro dell'ospedale di Agrigento



Cosa dire sulle legittime lamentele degli agrigentini in merito al sequestro dell'ospedale?
Soltanto un paio di cose.

Innanzitutto di fronte ad un tale evento è naturale provare rabbia e sdegno.
Ma la chiusura di un ospedale non è un fatto isolato e andrebbe visto e inserito in un contesto ben più ampio.

A mio modesto modo di vedere, la chiusura del nostro nosocomio è la naturale conseguenza, il giusto ed infausto epilogo, di una serie di comportamenti che ci contraddistingue e caratterizza.

Non siamo forse da sempre indifferenti alle tematiche politiche e sociali tranne quando si tratta di avere in cambio un favore o un piccolo privilegio? Non siamo sempre accondiscendenti con qualunque scelta politica faccia il nostro padrino di riferimento, parente o esponente di partito per il quale simpatizziamo – o meglio dire partito con il quale abbiamo in qualche modo rapporti o legami e appunto per questo nostro potenziale referente di istanze strettamente personali?

Bene, o anzi, male.

Purtroppo la nostra indifferenza - che come diceva qualcuno “opera potentemente nella storia” - e la nostra abulia producono risultati nefasti.

Dalla chiusura di un ospedale alla morte su una barella in cerca di un posto letto per esempio. Dal crollo di una palazzina per una lieve scossa di terremoto ad una autostrada o un cavalcavia che cede.

Se avessimo da sempre alzato la testa e protestato in qualche modo (anche semplicemente usando bene lo strumento del voto) avverso le scelte dei politici adesso non saremmo a questo punto.

Sappiamo tutti che oggi come ieri vengono candidati in qualunque sede soggetti referenti della mafia.

E sappiamo tutti che la gente li vota (convalidando così queste scelte), o comunque continua a votare per quel partito che spudoratamente continua a propinare collusi, favoreggiatori, se non addirittura esponenti di primo piano di “cosa nostra” (scritto rigorosamente in minuscolo).

Perché questi partiti non vengono puniti almeno con il voto degli elettori? Perché chi prende le difese di candidati in odor di mafia non viene fischiato e contestato?

Perché si assiste inerti alla ascesa al potere di tale personaggi?

Voglio precisare che anche se le responsabilità strettamente inerenti l’ospedale risalgono a parecchi lustri fa, dalle stesse responsabilità se non penali ma morali, etiche e politiche non vanno esclusi quegli esponenti di primo piano che continuano oggi a cooperare  con soggetti legati a quella consorteria.

Adesso è tardi per lamentarsi ed è inutile piangere sul latte versato.

Spero che da ora in poi la gente punisca chiunque in qualche modo contribuisce o non si discosta da questo modus operandi.

 

Infine un’ultima cosa.

Piccolo indovinello.

Alla luce dei recenti fatti, ospedale di Agrigento, Caltanissetta, strutture pubbliche e private  friabili come grissini in Abruzzo, la TAV (treni ad altà velocità), le autostrade, secondo voi: con che tipo di cemento costruiranno il prossimo rigassificatore a Porto Empedocle?

E le imminenti centrali nucleare?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia agrigento nucleare ospedale rigassificatore

permalink | inviato da tgweb il 2/8/2009 alle 15:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



28 luglio 2009

Ex deputato di Forza Italia mafioso al 100% secondo il tribunale di Palermo

"Un deputato della mafia" nella notte della sentenza

Lunga camera di consiglio del tribunale di Palermo per la sentenza nel processo contro l’ex deputato regionale di Forza Italia Giovanni Mercadante, un radiologo molto noto nel capoluogo siciliano, accusato di associazione mafiosa assieme a un altro medico, Antonino Cinà, e a sette imputati, tra i quali (per una estorsione) Bernardo Provenzano. Ipm Antonino Di Matteo e Gaetano Paci hanno chiesto la condanna di Mercadante a 14 anni di reclusione, di Cinà (e di un altro imputato, Lorenzino Di Maggio) a 16 e di Provenzano a 9. I giudici si sono riuniti in camera di consiglio alle 10 di ieri mattina.

Un processo delicatissimo. Giovanni Mercadante, al contrario di altri politici che in passato sono rimasti coinvolti in inchieste su Cosa Nostra, è accusato di aver fatto parte dell’associazione e non solo di «concorso esterno». Su di lui pesa il sospetto di essere stato una creatura politica di Bernardo Provenzano. Non solo per aver avuto col padrino dei rapporti d’affari nel settore della sanità, ma per aver stabilito un accordo: in cambio dell'appoggio dei clan alle elezioni regionali del 2001 e del 2006 avrebbe garantito l’ingresso in politica, nelle fila di Forza Italia, del nipote di un boss.

Tutto nasce nel 2005-2006 da un’intercettazione ambientale e prima ancora, nel 2001, da un «pizzino» rinvenuto in un covo di Provenzano.
>>continua da l'unità>>

la notizia su La Stampa
la notizia su rai news 24


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mercadante fi forza italia mafia

permalink | inviato da tgweb il 28/7/2009 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



31 maggio 2009

Rispondiamo alla balle del ministro (sic!) Maroni sparate durante la trasmissione "In Mezz'ora"



Maroni ha appena finito di elogiare il suo governo e i risultati ottenuti in tema di mafia.
Mi sarebbe piaciuto che la Annunziata avesse ricordato al Ministro come il suo governo abbia tolto alle procure le password necessarie per monitorare e sequestrare i conti correnti bancari dei boss.

Leggete da "Il Sole 24ore" l'articolo: Black-out sui conti dei mafiosi.
Un piccolo estratto:

«Dalla sera alla mattina – spiega il procuratore aggiunto di Palermo, Roberto Scarpinato – i ministeri della Giustizia e dell'Economia ce l'hanno tolta per motivi burocratici dopo avercela data, per grazia ricevuta, a distanza di 18 anni dalle previsioni legislative. La restituzione di quella password, a noi e a tutte le Procure, è la maniera migliore per onorare con i fatti e non a parole la memoria di Giovanni Falcone, della moglie e della scorta, morti 17 anni fa a Capaci».
«Con questa revoca – prosegue Scarpinato – siamo tornati agli anni in cui bisognava fare richiesta di informazioni a ogni singola banca. Nelle regioni del Sud c'è un problema ulteriore: il tessuto creditizio è profondamente inquinato, molte operazioni sospette vengono fatte sparire e non manca chi avvisa i boss delle indagini in corso. In questi mesi, a causa di questo scippo, abbiamo perso l'occasione per sequestrare miliardi. Scandalo nello scandalo, la password non è stata data neppure alla Banca d'Italia che ha il compito di contrastare il riciclaggio dei capitali sporchi».  >>continua>>

Leggi l'articolo per intero dal Sole-24ore


P.s.: bei tempi quelli in cui gli esponenti della Lega nord e il giornale La Padania  accusavano Berlusconi di essere mafioso e piduista!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. maroni mafia annunziata scarpinato

permalink | inviato da tgweb il 31/5/2009 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



31 marzo 2009

Le vere origini di Forza Italia - PdL. Rimettiamo in ordine le idee.



Testo:
"Buongiorno a tutti.
Non per guastare la festa a questa bella incoronazione imperiale del leader del popolo delle libertà che, come avete visto, a sorpresa è stato eletto primo, unico, ultimo imperatore del partito che aveva fondato sul predellino di una macchina e che quando l'aveva fondato Gianfranco Fini l'aveva subito fulminato dicendo: “siamo alla comica finale, noi non entreremo mai nel Popolo della Libertà e Berlusconi non tornerà mai più a Palazzo Chigi con i voti di Alleanza Nazionale”.
E quando qualcuno gli aveva chiesto “Possibilità che AN rientri all'ovile?”, risposta di Fini: “Noi non dobbiamo tornare all'ovile perché non siamo pecore”. Poi come avete visto sono tornati all'ovile quindi ne dobbiamo concludere che sono pecore o pecoroni.
Ecco, non è per guastare il clima idilliaco.......


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi craxi mangano dell'utri fini mafia

permalink | inviato da tgweb il 31/3/2009 alle 10:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



2 marzo 2009

La resa dei conti in Italia. L'intervista di Gioacchino Genchi.



Evidenzio solamente un paio di frasi. L'intervista seguitela tutta, con attenzione, perchè è una bomba.

"...E' giunta l'ora della resa dei conti in Italia: a cominciare dalle stragi di via D'Amelio e di Capaci.

...E' bene che gli italiani comincino a sapere delle collusioni fra apparati dello Stato servizi segreti, gente del malaffare e gente della politica.

...E l'attacco che viene fatto nei miei confronti parte esattamente dagli stessi soggetti che io avevo identificato la sera del diciannove luglio del 1992 dopo la strage di via D'Amelio, mentre vedevo ancora il cadavere di Paolo Borsellino che bruciava e la povera Emanuela Loi che cadeva a pezzi dalle mura di via D'Amelio numero diciannove dov'è scoppiata la bomba, le stesse persone, gli stessi soggetti, la stessa vicenda che io trovai allora la trovo adesso!

Consiglio vivamente i seguenti link:
http://www.youtube.com/watch?v=GwRqdpHhUKQ
http://www.youtube.com/watch?v=W7HquaSi5-4
http://www.youtube.com/watch?v=YJeDWa4bgPQ
http://www.youtube.com/watch?v=G8Xgo5ShQJg
http://www.beppegrillo.it/2009/02/il_silenzio_e_m.html#comments
http://www.beppegrillo.it/2009/02/gioacchino_genc.html#comments


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stragi mafia borsellino genchi

permalink | inviato da tgweb il 2/3/2009 alle 22:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



25 gennaio 2009

La confusione regna sovrana. Inchieste politico-mafiose, campagne diffamatorie, realtà imprenditoriali siciliane, politici siciliani e agrigentini. Sgarbi al pari di Sciascia!?



Sento il bisogno di rispondere a un commento (che riporto in fondo) dai contenuti diffusissimi  tra la gente (a causa probabilmente della scarsa qualità dell’informazione).

Colgo l’occasione, quindi, per affrontare un po’ i temi di mafia, politica e informazione (sui quali c’è sempre confusione).

 

 

- Il lettore esordisce dicendo: "… ancora non avete capito che con la scusa della lotta alla mafia, che e’ giusto che si faccia,…".

 

Ma come credi che vada fatta? La battaglia va fatta per vincerla e si vince  solo se si mira alla testa, alla mente dell'organizzazione. O pensi, come la maggior parte dei politici e dei giornalisti servi del potere, che basti tagliar qualche ramo della manovalanza mafiosa? La storia insegna che da sempre le inchieste su mafia (e inevitabilmente politica) si perdevano e venivano elise nel momento in cui si salivano i vari piani della gerarchia (vedi, per citare un esempio noto, la storia del prefetto Mori ai tempi di Mussolini).

Oggi è lo stesso. Le inchieste su mafia e politica si cercano in tutti i modi di bloccarle, di soffocarle, di sopprimerle. Con campagne diffamatorie innanzitutto. Le reti Mediaset hanno fatto scuola. Oltre a Sgarbi (leggendario menzognere), a titolo d’esempio, vorrei ragguagliarti sugli attacchi studiati a tavolino da Liguori e il suo “Fatti e misfatti” per isolare Caselli e delegittimarlo, da un lato, e dell’altro portare sostegno al padrone screditando i processi ad Andreotti e Dell’Utri.

Possiamo citare anche un altro artista proclive ai falsi: Lino Jannuzzi (in linea con Liguori e Sgarbi anche nel caso del suicidio Lombardini). Non perderò tempo a citare tutte le sue menzogne. Ma, per restare in argomento, come non menzionare i suoi celebri attacchi a Falcone, così  come quelli a Caselli? E non per niente giornalista preferito dai boss mafiosi (vedi intercettazioni Guttadauro-Aragona). E di stima, nelle stesse intercettazioni, gode anche un altro noto piaggiatore: Giuliano Ferrara.

 

- Altra frase nel commento: “svegliamoci siciliani onesti e riprendiamoci i nostri diritti”

Come ti "riprendi i tuoi diritti"? Attaccando come fa Sgarbi e i suoi compari i magistrati che combattono in prima linea la mafia?

La mafia è semplicemente e brutalmente uno dei modi in cui si manifesta il  potere politico.

Esiste e continua ad esistere proprio perché connessa alla politica. Se fosse stata solo un'organizzazione di semplici criminali, magari con la passione per la cicoria e la ricotta, sarebbe stata debellata da più di un secolo.

Sgarbi & C. attaccano sempre le inchieste e i magistrati che indagano sulle relazioni politico-mafiose. Pensi lo facciano per difendere noi onesti cittadini? O difendono la casta? E guarda che le responsabilità del perchè la mafia è sempre in forma smagliante - risollevata da un periodo in cui era quasi stremata (ma anche questo meriterebbe altro approfondimento) - va trovata proprio in quelle istituzioni che non vogliono realmente combatterla, ma preferiscono conviverci! E farci affari.

 

- Le “realtà imprenditoriali siciliane”?

Perchè te la prendi con i “potenti del nord”? Quelli siciliani per primi non ti bastano? Secondo te come è possibile che nella mia città (Agrigento) nel 2009 manchi ancora l’acqua? Quanti sono i politici siciliani e agrigentini che ricoprono ruoli di altissimo livello al governo nazionale e regionale? Il nord c’entra poco. Le inchieste sulla mafia non c’entrano niente con il nostro mancato sviluppo. Quest’ultimo è probabilmente più collegato ai politici collusi con la mafia che non ai “signori potenti del nord”, come da tua definizione.

Inoltre, ti comunico che non c'è mai stato libero mercato in Sicilia. Non vi è economia democratica.

Come risulta da molteplici processi è tutto controllato dalla mafia. Vuoi per caso che non vengano fatti neanche questi processi? Pensi che così gli imprenditori del nord vengano a portar benessere qui? E una volta arrivati qui, con chi pensi dovranno fare i conti?

Tu non puoi entrare, qualora lo volessi, nel mercato se prima non chiedi il permesso a Cosa nostra o se appena inizi ad acquisire quote di mercato (anche minime) non ottieni da loro la messa a posto, l'autorizzazione et similia.

Non è la guerra alla mafia che fa sì che si manifesti questa realtà.

 

- A proposito delle “guerre tra le procure”.

In questo caso sarò brevissimo. Non vi è stata alcuna guerra tra procure. Tutto montato ad arte per annullare quelle inchieste e quei magistrati. La procura di Salerno ha agito secondo legge. Quella di Catanzaro no.  Il problema è che Salerno aveva trovato riscontri alle denunce di De Magistris. E il “sistema” non può permettersi che si sappia che De Magistris aveva ragione, che stava agendo secundum legem, che era suo dovere farlo, e che è stato allontanato per il suo “non allineamento”. E allora: “guerra tra procure”! Così il cittadino non capisce niente.

 

- E gran finale: "bravo Sgarbi che dice il giusto al pari di Sciascia siciliano DOC".

Premesso che accostare Sgarbi a Sciascia è un’offesa per lo scrittore scomparso.

Sciascia va ricordato per quei romanzi coi quali denunciava (come anche Pasolini) la progressiva mafiosizzazione dello stato. Fotografava la realtà evidente ai più, ma che non emergeva come verità comune e verità processuale. Metteva in luce che non vi poteva esser giustizia contro i crimini del potere. Che i pochi volenterosi, in cerca di verità e giustizia, alla fine venivano uccisi o trasferiti. O non gli era possibile dimostrare i fatti a causa dei depistaggi e degli insabbiamenti che avvenivano per mano delle istituzioni stesse. La storia è sempre quella: impunità assoluta per i potenti e pugno fermo per il quisque de populo.

Diceva Sciascia nel 1979 in una celebre intervista: “i cittadini che fanno il proprio dovere, innanzitutto come semplici contribuenti, si vedono regolarmente presi in giro prima e ridicolizzati poi [...] perchè quelli che frodano il fisco vengono poi premiati con le leggi di perdono fiscale che costituiscono una esortazione e un incoraggiamento al non rispetto della legge, a essere un cattivo cittadino."

(Piccola riflessione: ma come mai il re dei condoni fiscali da noi è tanto amato?)

Ed ancora, nella stessa intervista: "Quali garanzie offre questo Stato [...] per quanto attiene all'applicazione del diritto, della legge, della giustizia? Quali garanzie offre contro [...] l'abuso di potere, l'ingiustizia? Nessuna. L'impunità che copre i delitti commessi contro la collettività e contro i beni pubblici, è degna di un regime di tipo sudamericano: neppure uno dei grandi scandali scoppiati in trent'anni ha avuto un chiarimento, nessuno dei responsabili è stato punito”.

Sono passati quasi altri trent’anni e quegli scandali a cui si riferisce sono ancora lì. Anzi, purtroppo, se ne sono aggiunti altri ancor più tragici e gravi.

 

 

Il celebre articolo al quale penso tu ti riferisca, quando accosti Sciascia a Sgarbi, è stato invece un episodio infelice e ha scaturito quello che lo scrittore racalmutese forse non aveva previsto.

E’ chiaro che quest’articolo è stato astutamente sfruttato dai nemici del pool.

Pensa un po’ al nefasto esempio indicato dallo scrittore col quale si mostrava il giudice Paolo Borsellino personaggio che faceva carriera soltanto perché si occupava di mafia.

Segnalo comunque che Sciascia tempo dopo ha avuto l’occasione di parlare proprio con il summenzionato giudice. Lo scrittore cambiò idea poco tempo dopo e racconta di essere stato travisato. A riguardo vorrei segnalare quest’articolo-intervista a Paolo Borsellino (risalente all’agosto del 1991). http://www.cuntrastamu.org/mafia/speciali/falcone/borsellino1.htm

Lo scrittore racalmutese criticava chi in quel periodo cavalcava l’onda dell’antimafia per esclusivo tornaconto personale; avvertiva il pericolo “antimafia come strumento di potere”; paventava che qualche politico o magistrato, non animato da buone intenzioni, potesse profittarne. Esclusivamente per interessi personali. (Mi vien da pensare al primo periodo, alla cosiddetta discesa in campo, dell’attuale presidente piduista che fu abilissimo a cavalcare l’onda di tangentopoli - e della pulizia dell’allora criminale classe dirigente - dichiarandosi apertamente a favore dei giudici, ai quali comunicava che il sostegno da parte del suo schieramento non sarebbe mai mancato.  Per le risate, vi prego, trattenetevi.)

Oggi, come allora,  le parole di Sciascia vengono strumentalizzate da quanti hanno soltanto l’intenzione di fermare giudici che fanno il loro dovere. Giudici che non fanno di certo carriera con l’antimafia, ma anzi  rimangono isolati dal loro stesso ambiente. Messi sotto pressione dalla stampa e dai politici. Ricattati, intimiditi, minacciati di sanzioni. Quando non vengono uccisi.

Dato che è dimostrato che non si fa carriera con l’antimafia, qualcuno sa spiegarmi chi glielo fa fare? Lo stipendio lo prenderebbero in ogni caso. Perché rischiare tanto?

Concludo dicendo che dopo la rappacificazione tra Borsellino e Sciascia, l’ultima considerazione che ebbe Borsellino in merito a quell'articolo apparso sul Corrire nell'87, fu di ben altro tipo.

Va infatti ricordato cosa  disse il magistrato il 26.06.92 (un mese dopo la strage di capaci e meno di un mese dalla sua): "Giovanni ha cominciato a morire tanto tempo fa. Questo paese, questo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciarono a farlo morire nel gennaio 1988, quando gli fu negata la guida dell'Ufficio Istruzione di Palermo. Anzi, forse cominciò a morire l'anno prima: quando Sciascia sul "Corriere" bollò me e l'amico Leoluca Orlando come professionisti dell'antimafia" .

 

Segnalo infine l’articolo di Nando Dalla Chiesa: Sciascia, perché non mi pento

 

Ecco il testo del commento di un certo Max:

bravi , svegli direi, ancora non avete capito che con la scusa della lotta alla mafia, che e’ giusto che si faccia, i signori potenti del nord hanno indiscriminatamente fatto fuori quasi tutte le realta’ imprenditoriali siciliane , oneste e disoneste.Se e’ questo il prezzo da pagare io non ci sto, e non dovreste accettare neanche voi , perche’ dobbiamo andare al nord per lavorare, perche’ al sud i signori potenti non ci hanno fatto fare neanche una ferrovia del ca….. che possa essere definita decente mentre loro hanno i treni ad alta velocita’, e chio ha detto che la magistratura dia sentenze giuste? i fatti degli ultimi tempi con le guerre tra le procure non vi dice niente?
svegliamoci siciliani onesti e riprendiamoci i nostri diritti di uomini normali non mafiosi tutti da dominare con il bastone , bravo sgarbi che dice il giusto al pari di SCiascia siciliano DOC , SVEGLIAAAAAAAA





19 gennaio 2009

Marco Travaglio - Passaparola. Diretta del 19.01.09

Borsellino: omicidio di Stato?

406
commenti




Testo:
"Buongiorno a tutti, oggi parliamo di un processo scomparso, un processo dimenticato. Anzi, per nulla dimenticato. Proprio perché chi di dovere lo sa che non ne parla. E dopo capirete il perché. A Palermo, in un’aula della quarta sezione penale del Tribunale, si sta processando l’ex capo dei servizi segreti civili, cioè l’ex capo del SISDE. Che è un prefetto, ma è anche un generale dei Carabinieri e si chiama Mario Mori..." 
(Clicca su continua per il testo completo dell'intervento).




5 gennaio 2009

In ricordo di Giuseppe Fava

Il 5 gennaio del 1984 Giuseppe Fava, giornalista, intellettuale, scrittore, veniva ucciso da mano mafiosa.
Io voglio ricordarlo suggerendovi di vedere - e soprattutto ascoltare bene - questo filmato di una sua famosa intervista rilasciata ad Enzo Biagi nel 1983. 
Le sue parole
sembrano risuonare ancora oggi. E' triste rendersi conto di quanto nulla sia cambiato, se non addirittura peggiorato.
"... i mafiosi stanno in parlamento, sono a volte ministri, sono banchieri, sono quelli che in questo momento sono ai vertici della nazione.... Il problema della mafia è molto più tragico e importante, è un problema di vertici della nazione che rischia di portare alla rovina, al decadimento culturale definitivo l'Italia..."



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giuseppe fava mafia

permalink | inviato da tgweb il 5/1/2009 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



27 settembre 2008

IL RITORNO DEL PRINCIPE - Corruzione, mafia e stragismo. Ecco i cardini della storia italiana.

Avete letto "Il ritorno del principe"? Se non l'avete ancora fatto, vi consiglio di provvedere immediatamente. E' un libro essenziale. Aiuta a comprendere come si attua, si manifesta, si cela la criminalità dei potenti in Italia. Come si è evoluto il modo di controllare il pensiero e orientare il consenso delle masse. Quali gli strumenti usati ad arte. Dagli insegnamenti del cardinale Mazzarino e  De Maistre, alle moderne tecniche, arriviamo amaramente a constatare come, anche ai giorni nostri, siamo cavie  e vittime dei giochi del potere.
Corruzione, mafia e stragismo. Ecco i cardini della storia italiana.
Per leggere la scheda del libro   clicca qui

La presentazione del libro a Roma, 23.09.08



Vedi anche Il ritorno del principe: il video della presentazione di Palermo

AVVISO IMPORTANTE: PROSSIMAMENTE ANCHE AD AGRIGENTO SI TERRA' LA PRESENTAZIONE DE "IL RITORNO DEL PRINCIPE".




17 aprile 2008

Un uomo colto. Sul fatto - Il mitico Marcello Dell'Utri.. un eroe anche lui!!

Un uomo colto. Sul fatto


Ci sia consentito di ringraziare dal più profondo del cuore il sen.Marcello Dell'Utri, noto pregiudicato e soprattutto bibliofilo tra i più raffinati. Grazie perché non delude mai: trent'anni dopo la prima intercettazione che lo immortalò a colloquio con l'eroico Mangano, continua a ricevere mafiosi e a farsi beccare al telefono senza usare precauzioni. L'altro giorno, quando girava voce di un misterioso senatore sorpreso a colloquio con uomini della 'ndrangheta, ci siamo detti: no, non può essere ancora lui. Basta con questa cultura del sospetto che associa il suo nome a qualunque scandalo dell'orbe terracqueo. Ogni tanto si riposerà anche lui, che diamine. Invece s'è scoperto che l'uomo al telefono col bancarottiere Aldo Miccichè, latitante in Venezuela, era Dell'Utri. L'uomo che riceveva nel suo studio Antonio Piromalli, reggente del clan calabrese impegnato nei brogli esteri, e suo cugino Gioacchino, avvocato radiato dall'Ordine per una condanna di mafia, era ancora lui. L'uomo che poi ringraziava Miccichè per avergli mandato a casa quei «due bravi picciotti», era sempre lui. Grazie senatore per agevolare, con la sua sostenibile leggerezza dell'essere, gl'investigatori. La prima volta fu nel 1980, quando si fece sorprendere al telefono con Vittorio Mangano a parlare di «cavalli». La seconda nel 1986, quando il Cavaliere lo chiamò per informarlo di una bomba appena esplosa nella villa in via Rovani: ma «fatta con molto rispetto, quasi con affetto», un «segnale acustico» tipico dell'eroico Mangano (che fra l'altro non c'entrava perché era in galera). La terza un mese dopo, quando il mafioso Tanino Cinà gli telefonò per annunciargli l'arrivo di quattro cassate: una per lui, una per suo fratello, una per Confalonieri, una extralarge da 10 chili per Silvio. Le rare volte in cui non parla al telefono, le sue agende parlano per lui: due appunti del novembre '93 («2-11, Mangano Vittorio sarà a Milano per parlare problema personale»; «Mangano verso il 30-11») rivelano che, mentre dava gli ultimi ritocchi a FI, riceveva a Publitalia il solito Mangano, reduce da 11 anni di galera per mafia e droga. Altre volte, al telefono, parlano di lui gli amici degli amici. Come due uomini legati alla mafia catanese, Papalia e Cultrera, che il 25 marzo '94 si preparano alla prima vittoria azzurra: «Il giorno in cui Berlusconi salirà, come ho detto in una cena alla presenza anche di Marcello, si dovranno prendere tante soddisfazioni... fra cui l'annientamento dell'amministrazione (la giustizia, ndr), perché sono gruppi di comunisti!». Marcello è lo stesso che il 12 ottobre '98 riceve nell'ufficio di via Senato a Milano Natale Sartori (socio della figlia di Mangano in una coop di pulizie), pedinato dalla Dia in un'indagine per droga. Due mesi dopo, 31 dicembre, la Dia filma Dell’Utri mentre incontra a Rimini il falso pentito Pino Chiofalo, che organizza un complotto per calunniare i veri pentiti che accusano Marcello. Maggio '99: Dell'Utri è candidato in Sicilia all'Europarlamento: un picciotto di Provenzano, Carmelo Amato, vota e fa votare: «Purtroppo dobbiamo portare a Dell'Utri, se no lo fottono. Pungono sempre, 'sti pezzi di cornuti (i giudici, ndr). Questi sbirri non gli danno pace». Maggio 2001: il boss di Brancaccio, Giuseppe Guttadauro, parla col mafioso Salvatore Aragona: «Con Dell'Utri bisogna parlare», «alle elezioni '99 ha preso impegni» col boss Gioacchino Capizzi «e poi non s'è fatto più vedere». Aragona rivela: «Io sono stato invitato al Circolo, che è la sede culturale e intellettuale di Dell'Utri in via Senato, una biblioteca famosa». Nel 2003 Vito Roberto Palazzolo, condannato per narcotraffico, imputato per mafia e rifugiato in Sudafrica, aggancia Dell'Utri e la moglie perché premano sul ministro di Giustizia – scrivono i pm - «per ammorbidire le richieste di rogatoria e di estradizione». Nel 2005 la Procura di Monza intercetta due finanzieri, Savona e Pelanda, che parlano del Ponte sullo Stretto e il secondo ha appena saputo dall'amico Dell'Utri che «la gara d'appalto la vince Impregilo». Profezia puntualmente avverata. Nel 2005, scandalo scalate & furbetti. Mica c'entrerà Dell'Utri anche lì? No, nelle intercettazioni lui non parla e nessuno parla di lui. Ma poi arrestano Fiorani, e questo parla di 200 mila euro da sganciare ai senatori forzisti Grillo e Dell'Utri. Nessun reato, stabiliscono i giudici. Ma il suo motto è quello di Piercasinando: «Io c'entro». Sempre. Come diceva Montanelli, «Dell'Utri è un uomo colto. Soprattutto sul fatto».
l’Unità (13 aprile 2008)

MARCO TRAVAGLIO

ULIWOOD PARTY

l’Unità (13 aprile 2008)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia dell'utri berlusconi mangano

permalink | inviato da tgweb il 17/4/2008 alle 15:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



11 aprile 2008

Il cavalier Berluskaz, mafioso e fascista

Il cavalier Berluskaz, mafioso e fascista
Citazioni da discorsi di Umberto Bossi. Testo raccolto da Marco Travaglio e tratto da MicroMega Aprile 2001     apri qui


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia berlusconi bossi

permalink | inviato da tgweb il 11/4/2008 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



10 aprile 2008

Giustizia negata per Paolo Borsellino

Misteri d'Italia
Giustizia negata per Paolo Borsellino
"Una sentenza indegna" l'assoluzione dell'ufficiale dei carabinieri accusato di aver rubato l'agenda rossa del giudice assassinato 16 anni fa dalla mafia
di Salvatore Borsellino

La notizia mi è arrivata ieri come un pugno in piena faccia dalla Germania, tramite un amico che è sempre il primo a raccogliere le notizie non appena pubblicate dall'ANSA in Italia.
Ero stato invitato da Giuseppe Bascietto a presentare il suo libro su Pio La Torre e il primo impulso è stato quello di piantare tutto e tornare a casa, con la sensazione dell'inutilità di continuare a battermi per ottenere Giustizia a fronte di uno Stato che, come riportato di recente in un articolo speditomi da un lettore, "NON PUO' PROCESSARE SE STESSO".
Poi ho scelto di restare anche se, scusandomi con l'autore del libro e con in presenti, non ho potuto fare a meno, appena mi hanno data la parola, di comunicare a tutti i presenti la notizia che avevo appena appreso.
La notizia, cioè, dell'assoluzione in fase di udienza preliminare, senza neppure passare alla fase dibattimentale del processo, del Capitano Arcangioli dall'accusa di avere sottratto dalla macchina del Giudice Paolo Borsellino ancora in fiamme la borsa di cuoio contenenente l'ormai famosa Agenda Rossa nella quale il Magistrato appuntava tutti i suoi incontri e soprattutto i risultati degli interrogatori che in quei giorni conduceva con collaboratori di Giustizia quali Vincenzo Calcara, Gaspare Mutolo e Leonardo Messina.
Collaboratori che che gli stavano permettendo di squarciare il velo sulle collusioni tra mafia e politica, tra mafia e servizi segreti deviati, tra mafia e pezzi delle Istituzioni, tra mafia e mondo dell'imprenditoria e degli appalti.
Ho preso lo spunto, nel comunicare la notizia, dal sottotitolo del libro - "La vita del politico e dell'uomo che sfido' la mafia" - per dire che purtroppo in questo nostro disgraziato paese non sono mai lo Stato, la politica o le Istituzioni nel loro complesso a sfidare la mafia, è sempre una parte delle Istituzioni o peggio addirittura un singolo uomo o singoli uomini a condurre questa sfida contro la mafia o la criminalità organizzata, e questo consente a queste organizzazioni, grazie alla loro eliminazione, favorita dall'isolamento a cui quasi sempre vengono prima sottoposti, di risultare alla fine vincenti in questa lotta o rimandarla per anni, fino al prossimo magistrato, poliziotto o giornalista costretto, suo malgrado, a diventare un eroe a causa proprio della solitudine in cui conducono la loro lotta.
fonte: micromega


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. borsellino agenda rossa mafia

permalink | inviato da tgweb il 10/4/2008 alle 22:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



22 marzo 2008

Dell'Utri/Ricca - Mafia? Chi è costei!

Questo non potete perdervelo!
Dal blog di Piero Ricca:

Marcello Dell’Utri

Marzo 14, 2008 on 12:04 pm | In Politica, Informazione | 233 Comments


“Esiste infatti una realtà innegabile: perché la mafia possa amministrare le sue migliaia di miliardi, debbono pur esserci imprese private ed istituti pubblici, uomini d’affari o di politica capaci di garantire l’impiego e la purificazione di quell’ininterrotto fiume di denaro. La nazione ha finalmente il diritto di identificarli!”.
Giuseppe Fava

“Mi si rivolta l’anima quando vedo tanti alzare le spalle mentre avvengono incredibili offese alla legge e alla legalità. No, bisogna gridare perché tutti si rendano conto di quel che accade. E non smettere di gridare finché non ci sentiranno anche coloro che non vogliono sentire”.
Rita Borsellino

Marcello Dell’Utri non ricorda chi fu Giuseppe Fava, il giornalista catanese che pagò con la vita il suo impegno antimafia. “Chi è, un suo amico?”, mi ha detto ieri, quando con gli amici di Qui Milano Libera siamo andati a interpellarlo al Palazzo della Permanente di Milano. Tema: le sue relazioni con mafiosi e la credibilità delle istituzioni. Marcello Dell’Utri non è pentito: dichiara infatti che frequentare personaggi come Mangano, Virga, Cinà (tutti condannati per mafia) “è meglio che frequentare gente come me”. In pratica mi considera peggio della mafia. Per quale motivo? perché mi son permesso il lusso di guastargli un po’ l’inaugurazione della fiera del libro antico con domande fuori copione e ricordando alcuni fatti: la condanna definitiva per reati finanziari, la condanna in primo grado per mafia, la condanna in appello per estorsione con l’ausilio di apposito boss trapanese (video-intervista a Vincenzo Garraffa). Lui desiderava solo intrattenere gli ospiti, disquisire di tomi antichi, illustrare la mostra su Pinocchio, come ogni mecenate che si rispetti. Con Berlusconi al governo - ha promesso - “faremo tutto”. Una priorità contro la mafia? gli ho chiesto. “Ce ne sono cinquantamila”, ha risposto, non specificandone una. E sempre sostenendo che lui con la mafia non c’entra nulla e che io non dovevo permettermi. Del valutare l’ipotesi di fare un passo indietro in attesa del verdetto finale, per rispetto delle istituzioni e senso dell’opportunità politica, nemmeno a parlarne. Il braccio destro di Berlusconi da quell’orecchio non ci sente. Si considera una vittima sacrificale, un nuovo Socrate. Ma la cicuta preferisce farla bere agli altri. Mentre lo interpellavo una schiera di adulatori, simpatizzanti e servetti vari gli faceva da corona, tutti offesi per conto suo, pronti all’invettiva verso di me. Il selezionatore di stallieri era livido, a un certo punto è diventato paonazzo, non di vergogna: quella non la prova. Ma di fastidio, di rabbia. Il tipico fastidio di chi ha speso una vita per far credere di essere qualcuno e poi si vede rovinare tutto in un attimo. La rabbia disperata di chi s’è mascherato da padrone e viene individuato come un intruso. Anche lo sguardo era tornato servile. Mentre stava per spiegare a modo suo la sfortuna di essersi imbattuto in un sacco di mafiosi, il coro dei simpatizzanti s’è fatto alto fino a sommergere le nostre parole. E il cuor di leone s’è l’è svignata, dopo essersi congedato con gentilezza da bibliofilo: dandomi dello “stronzo”. Detto da uno così è un complimento e infatti l’ho ringraziato. Ne è seguito il solito parapiglia con guardie pubbliche e private. In strada, mentre venivano sbrigate le pinocchiesche procedure di identificazione (è il cittadino che grida allo scandalo ad essere identificato, non viceversa), ho tenuto l’abituale comizietto a squarciagola, evocando concetti non so quanto familiari a quella corte di appassionati bibliofili: la sanzione reputazionale, la responsabilità politica, il coraggio intellettuale della verità. Soffro di raucedine in questi giorni, ma la voce s’è schiarita di colpo pensando a quanti, per aver contrastato la mafia e la politica mafiosa, non possono più parlare.

Qui trovate il video. Ma dopo averlo visto, se credete, rompete il silenzio anche voi!



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia dell'utri ricca

permalink | inviato da tgweb il 22/3/2008 alle 21:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



14 febbraio 2008

Incontriamo Rita Borsellino


 
Oggi pomeriggio ad Agrigento presso il Circolo Empedocleo alle ore 18:00 si terrà un incontro per discutere con Rita Borsellino sul tema “Acqua, rifiuti e rigassificatori: quale futuro per il nostro territorio?
Gli Amici di Grillo di Agrigento (http://www.grilliagrigento.it/) saranno presenti per porgere domande riguardanti anche altre questioni. Manifesteremo il nostro appoggio a questa bella candidatura per la guida della regione Sicilia.  Speriamo di rilanciare la brutta immagine che questa martoriata regione ha ormai in tutto il mondo.
 Dopo l'imbarazzante condanna di Totò Cuffaro sapranno i siciliani  voltare pagina? Due anni fa hanno preferito lui, l'imputato di mafia,  alla  Borsellino.  Adesso meritano una nuova possibilità?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia cuffaro rita borsellino

permalink | inviato da tgweb il 14/2/2008 alle 15:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



5 febbraio 2008

Cuffaro-Annozero. Agcom-"gogna mediatica". Articolo essenziale.

totò e le cozze

Ricapitolando. Nell’Annozero del 24 gennaio sul caso Mastella, Totò Cuffaro denuncia che si parlerà della sua condanna, ma nessuno l’ha invitato.
Santoro lo rassicura: di lui si parlerà il 31 e lui sarà l’ospite d’onore. L’indomani la redazione spedisce il fax con l’invito. Risposta: Totò non ritiene “opportuno” essere presente. Santoro allora invita tutti i possibili leader Udc, che alla fine manda il vicesegretario Vietti.
Cuffaro a quel punto “diffida” Annozero dal mostrare il documentario “La mafia è bianca” perché “diffamatorio”: ma purtroppo la sua querela per diffamazione agli autori è stata archiviata dal giudice perché non c’è alcuna diffamazione (“la pubblicazione è esercizio del diritto di informazione garantito dall’ordinamento”). Santoro conferma: “La mafia è bianca” va in onda. Allora mercoledì, quando la puntata è ormai pronta, Cuffaro ricambia idea e dice che vuol essere presente, ma giovedì 31 non può per “impegni inderogabili”: «Quando sono stato invitato, avevo già assunto altri impegni. Chiedo di posticipare la puntata a giovedì prossimo per poter essere presente».
La cosa ormai è impossibile e comunque i temi di un programma li decide la redazione, non l’ospite eventuale. Del resto, per raccontare un processo, i giornali non han bisogno di intervistare l’imputato: il cronista va, prende appunti e racconta.
Giovedì il documentario va in onda. Poi parlano i tre politici ospiti, tutti favorevoli a Cuffaro: sia Vietti e Alemanno del centrodestra, sia Emma Bonino dell’Unione, che lamenta l’assenza di Cuffaro come se fosse colpa di Santoro. Vietti e Bonino s’incaricano di interrompere e coprire con la loro voce chiunque dica cose sgradite a Cuffaro, cioè vere. Per esempio che lo stesso Cuffaro, al processo, ha ammesso di aver incontrato Salvatore Aragona e Vincenzo Greco sapendo che erano stati condannati: l’uno per mafia (procurò un falso alibi al boss Enzo Brusca in un processo per omicidio), l’altro per favoreggiamento alla mafia (curò il latitante Salvatore Grigoli, l’assassino di don Puglisi).
Subito dopo parte il pianto greco dell’Udc, dell’Udeur (che non c’entra ma c’è sempre), di FI, di Giuliano Ferrara e trombettieri vari contro la “gogna mediatica” di Annozero. Giuliano Urbani, membro forzista del Cda Rai, parla di “processo in contumacia”.
Corrado Calabrò, presidente dell’Agcom, annuncia alla stampa un “preavviso di richiamo” per tre puntate di Annozero e un “monitoraggio” speciale sull’ultima. Ora, il “preavviso di richiamo” non è previsto da alcuna legge: è come se un giudice convocasse la stampa per informare che Tizio è stato condannato - senza che quello sapesse neppure di essere sotto processo - ma la sentenza non è stata ancora scritta e gli verrà recapitata con comodo.
Quella dell’Agcom è esattamente la “gogna mediatica” che viene rinfacciata a Santoro, che non ha mai potuto difendersi dall’accusa perché nessuno gliel’ha mai contestata. Persino un eccellente giornalista come Giovanni Valentini accusa Santoro di “tradire la sua funzione” perché “sceglie gli ospiti, toglie e dà la parola, impone un ordine di priorità, determina i tempi e lo svolgimento del dibattito” (e chi dovrebbe farlo, di grazia?) e soprattutto perché “non assicura la pluralità dei punti di vista e l’osservanza del contraddittorio”.
Ma basta leggere il quotidiano “La Sicilia” per conoscere l’”inderogabile impegno” istituzionale che ha costretto Cuffaro a disertare Annozero: una messa in onore di don Bosco e una cena con gli ex-compagni di liceo salesiano sul mare di Palermo, a base di cozze, ostriche, alici marinate e sarde a beccafico.
Il cronista domanda perché non sia andato ad Annozero. E Totò: “Non sono andato da Santoro perché oggi è una giornata particolare per me e per tutti quelli che siamo stati educati dai salesiani. Non ho neanche intenzione di vedere la trasmissione”. C’è chi la vede per lui e, tra una portata e l’altra, lo aggiorna al telefono. Alla fine baci e abbracci, soprattutto baci, e un bel brindisi nel quadro della novena di festeggiamenti per la condanna a 5 anni. Per stavolta, niente cannoli.
La pretestuosità dell’“impegno improrogabile” è evidente: Cuffaro se ne sarebbe inventato uno a settimana, per rinviare alla calende greche la puntata sulla sua condanna. Magari fino alla campagna elettorale, quando calerà la mannaia della par condicio. La tv è libera di occuparsi di Cuffaro solo se c’è Cuffaro; ma siccome Cuffaro non c’è mai, la tv non deve occuparsi mai di Cuffaro. Un giochetto ricattatorio talmente evidente che tutti dovrebbero vederlo. Infatti non lo vede nessuno. Le Authority, del resto, sono lì apposta.

Marco Travaglio
“Uliwood party”
l'Unità, 3 FEBBRAIO 2008


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cuffaro annozero mafia travaglio udc agcom santoro

permalink | inviato da tgweb il 5/2/2008 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



25 gennaio 2008

Stare zitti equivale ad essere complici! Ricordatelo!

Cari amici e care amiche, per una settimana penso che non potrò aggiornare il blog causa vacanza sulla neve ;)

Però prima di partire non posso non raccontarvi questa.

Oggi discutendo su mafia, legalità, moralità e giustizia sono stato subito scoperto... hanno detto che sono di sinistra! Ho chiesto: come fai a capire che sono di sinistra? Non ho detto niente di strettamente politico!
E lui: si capisce. Va bene. Quindi, amici di destra, siate contenti, perchè per esclusione visto che parlavo di legalità e moralità si esclude a priori che io possa essere un destrorso. Il bello è che senza volerlo il tizio faceva un ingiusto e immeritato complimento alla sinistra. Tranne pochi casi isolati, dove sono questi valori a sinistra?
Il tizio in questione è un giovane della mia età molto vicino al cuore dell'udc. Assisteva alla discussione un mio collega, e mentre l'uddiccino parlando con lui si lamentava delle strumentalizzazioni sul caso Cuffaro e sui cannoli, sulla vergogna di chi chiede le dimissioni, e sulla sinistra che organizza queste pericolose proteste con le foto di Cuffaro in coppola e cannoli (atto di per se gravissimo... questa è gente violenta, gentaglia che mette addirittura per strada dei poster giganti..) lui, il mio collega, chinava la testa e dava segni di sconforto, solidarietà e sofferenza, quasi delle condoglianze.
Diceva anche: che vergogna!
Al che, io ho dovuto intromettermi nel discorso... e immaginate!!!

p.s.: adesso si parla dei cannoli strumentalizzati e non più dei fatti accertati processualmente. La vergogna non è il presidente della regione e i suoi reati ma chi chiede le dimissioni per questi futili motivi...
Preparatevi a una campagna stampa dove di mafia non ci sarà traccia, ma in compenso le foto con la coppola (vere) e i "cannoli strumentalizzati" la faranno da padrone, come simbolo di comportamento da additare. Puoi favorire e aiutar mafiosi ma guai a far manifestazioni in piazza con foto!
Tutt'al più con la forca, come fanno i leghisti con il mitico Calderoli sul podio! Ricordate..??


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. udc mafia cuffaro

permalink | inviato da tgweb il 25/1/2008 alle 21:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



24 gennaio 2008

A proposito di Cuffaro e delle dimissioni che la gente per bene pretende

Segnalo la lettera  di Di Pietro a Prodi  :

Oggetto della lettera è la sospensione dalla carica di Presidente della Regione Siciliana dell’On.le Salvatore Cuffaro.

Come Ti è noto, il 18 gennaio scorso il Tribunale di Palermo ha pronunciato sentenza di condanna per favoreggiamento e rivelazione di segreto nei confronti del Presidente della Regione siciliana.

I fatti addebitati al Presidente Cuffaro ed accertati dal Tribunale con la sentenza di primo grado, emergono nella loro estrema gravità... continua al link sottostante

"Lettera a Prodi" di Antonio Di Pietro | 23 Gennaio 2008
Tieniti aggiornato: www.antoniodipietro.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. prodi dimissioni di pietro mafia cuffaro

permalink | inviato da tgweb il 24/1/2008 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



19 gennaio 2008

Cuffaro, il presidente che favorì i boss mafiosi! ...e secondo voi non continua a farlo?


Il presidente della regione Sicilia Totò Cuffaro condannato a 5 anni


La Repubblica - articolo del 18/01/08, giorno della sentenza

La repubblica - articolo del giorno dopo: Palermo, scontro Grasso-Cuffaro, "Ha favorito i singoli boss"

l'Unità - Mafia, 5 anni a Cuffaro: rivelò e usò segreti d'ufficio. (...le talpe c´erano, e Cuffaro le conosceva bene) riportate in breve anche le accuse confermate dalla condanna.

Il Sole 24ore - Cuffaro condannato a 5 anni per favoreggiamento ai mafiosi: «Resto al mio posto»

 - Il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso: "E' rimasto provato il favoreggiamento da parte del presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, di singoli mafiosi come Guttadauro, Aragona, Greco, Aiello e Miceli, ma tutto ciò non è stato ritenuto sufficiente a integrare l'aggravante contestata di avere agevolato l'associazione mafiosa Cosa Nostra nel suo complesso".

 - parla di: "...prova "diabolica" da trovare. Quella cioè che attribuirebbe il favoreggiamento non a singoli mafiosi ma all'intera organizzazione".

 - "Non c'è l'aggravante della mafia, ma la sentenza prova il favoreggiamento di Salvatore Cuffaro di singoli mafiosi come Giuseppe Guttadauro, Salvatore Aragona, Vincenzo Greco, Michele Aiello (il "re della sanità privata siciliana", accusato di essere socio del boss Bernardo Provenzano, ndr) e Domenico Miceli" ha detto ieri in serata il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, confermando che l'impianto dell'accusa ha retto.

Cosa dire del nostro (in quanto siciliano) bel presidente? Certo è, che rappresenta bene una parte della Sicilia, ma sicuramente non quella vicina a Boris Giuliano, Gaetano Costa, Cesare Terranova, Emanuele Basile, Pio la Torre, Dalla Chiesa, Chinnici, Borsellino, Falcone, Peppino Impastato, Giuseppe Fava, ecc. ecc.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia cuffaro

permalink | inviato da tgweb il 19/1/2008 alle 12:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



13 gennaio 2008

Bruno Contrada. Depositate le motivazioni. Ovviamente da che parte sta Berlusconi?

da: http://www.adnkronos.com
Berlusconi interviene anche sul caso Contrada . La battaglia di Lino Jannuzzi, sottolinea, "merita tutto il nostro appoggio". "Non si può pensare che un servitore dello Stato, condannato per le accuse di chi ha contribuito a fare arrestare, sia dimenticato e trattato in questo modo. E' una cosa - rimarca il leader azzurro - che non si può accettare".

Le solite falsità di Berlusconi.
ancora da: http://www.adnkronos.com
MAFIA: CASSAZIONE, CONTRADA COLPEVOLE CONTRO LUI NESSUN COMPLOTTO
Roma, 8 gen. - (Adnkronos) - L'ex numero due del Sisde Bruno Contrada e' colpevole di concorso esterno in associazione mafiosa e contro di lui non c'e' stato nessun "complotto" posto in essere dai pentiti, secondo quanto correttamente valutato dalla Corte d'Appello di Palermo, insieme a molte testimonianze di poliziotti e questori che hanno espresso nei suoi confronti "diffidenze". Sono le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione depositate oggi, sentenza con la quale lo scorso 10 maggio era stata confermata per Contrada la condanna a 10 anni di reclusione e tre anni di sorveglianza vigilata.

Io penso che Silvio come altri hanno tutto l'interesse a difendere Contrada affinché quest'ultimo continui a tener la bocca chiusa su mafia e politica.


Per saperne di più e sbugiardare la versione di chi ha deciso da anni e anni di stare dalla parte dei mafiosi leggere qui:

La sentenza Contrada
da voglioscendere.it
di marco travaglio

Bruno Contrada, già capo della squadra Mobile di Palermo, poi della Criminalpol e infine numero 3 del Sisde, è stato condannato sette mesi fa a 10 anni di reclusione dalla Cassazione per concorso esterno in associazione mafiosa: per il suo trentennale “contributo sistematico e consapevole alla conservazione e al rafforzamento di Cosa nostra”. 

Di seguito pubblichiamo una sintesi delle motivazioni della condanna d’appello del 2006, chiesta e ottenuta dal Pg Nino Gatto e confermata dalla Suprema Corte: 792 pagine firmate dal presidente Salvatore Scaduti e dai giudici a latere Chiara Boni e Giuseppe Melisenda, che illustrano le accuse a suo carico (lanciate non solo da mafiosi pentiti, ma soprattutto da testimoni incensurati: magistrati, poliziotti, parenti di vittime della mafia) e i riscontri che le hanno supportate (documenti, intercettazioni telefoniche, accertamenti di polizia giudiziaria). Il
testo integrale è già da qualche giorno sul nostro blog.

Sentenza Contrada I

Nella prima parte della sentenza Contrada, i giudici esaminano le accuse mosse all’ex poliziotto dai mafiosi pentiti e confermate da documenti e testimonianze. Nella seconda parte i pentiti escono di scena e cedono il passo a una ventina di testimoni insospettabili.

Sentenza Contrada II


L’ultima parte della sentenza di condanna per Bruno Contrada, cominciare da due intercettazioni molto significative.

Sentenza Contrada III


Segnalazioni

Guarda il video della presentazione di Mani sporche al Quirino, Roma - 10 gennaio 2008

No alla grazia
per Bruno Contrada

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. contradamafiasentenza

permalink | creato da marco_travaglio il 12/1/2008 alle 17:47 | Versione per la stampa


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. contrada mafia berlusconi jannuzzi

permalink | inviato da tgweb il 13/1/2008 alle 16:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



9 gennaio 2008

Il dottor Mafia

Il dottor Mafia
La cagnara intorno alla grazia a Bruno Contrada e alla revisione del suo processo (prim'ancora che siano depositate le motivazioni della condanna in Cassazione!) si è momentaneamente spenta. Ma c'è da giurare che riprenderà presto, anche perchè Contrada è l'unico rappresentante di alto livello dello Stato che sia stato condannato definitivamente per concorso esterno in associazione mafiosa: dunque il partito dell'impunità e della mafia non può tollerare questo precedente, che potrebbe presto "figliarne" altri.

Proprio l'altroieri è stato notificato al generale Mario Mori - ex capo del Ros e del Sisde, l'uomo che insieme al capitano Ultimo non perquisì il covo di Riina lasciandolo perquisire dalla mafia - l'avviso di chiusura delle indagini di un'altra inchiesta palermitana su presunti favori alla mafia per la mancata cattura di Bernardo Provenzano. Sempre a Palermo, è imminente la sentenza di primo grado a carico di Totò Cuffaro, imputato di favoreggiamento mafioso e indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Seguirà a ruota la sentenza d'appello nel processo a Marcello Dell'Utri, condannato in primo grado a 9 anni sempre per concorso esterno. Insomma, si scrive Contrada e si legge Dell'Utri, Cuffaro, Mori. Si difende Contrada per salvare tutti gli altri esponenti dello Stato che trattarono (o sono accusati di averlo fatto) con la mafia. La partita esula dunque dall'avventura del vecchio poliziotto morente (o sedicente tale) e investe la possibilità di fare luce sui legami tra Cosa Nostra e chi dovrebbe combatterla.

L'unico antidoto al colpo di spugna è la conoscenza approfondita dei fatti. Per questo, da oggi, il nostro blog riporta le due sentenze decisive del processo Contrada: le conclusioni di quella del Tribunale di Palermo (1700 pagine), che nel 1996 condannò Contrada a 10 anni; e il testo integrale (700 pagine) di quella del secondo processo d'appello, che nel 2006 ricondannò Contrada a 10 anni (dopo che la Cassazione aveva annullato l'assoluzione nel primo appello) e fu definitivamente confermata nel maggio 2007 dalla Cassazione. Così ciascuno potrà toccare con mano la solidità delle accuse e dei riscontri trovati dai giudici alle parole dei mafiosi pentiti, ma soprattutto la mole di testimonianze rese da magistrati, questori, poliziotti, cittadini incensurati e servitori dello Stato, perlopiù intimi di Falcone e Borsellino, su questo traditore dello Stato che oggi pretenderebbe addirittura la grazia e il grazie dallo Stato. Il grazie dalla mafia, invece, l'ha già ricevuto in abbondanza.

Le conclusioni della sentenza di I grado (1996)

La sentenza d'appello (2006)
di marco travaglio
da: voglioscendere.it




3 gennaio 2008

Jannuzzi minaccia dimissioni sul caso Contrada. Ci resteranno mica male i boss di cosa nostra?


 Apprendo adesso dal "tg3 regione" che in sen. Lino Jannuzzi minaccia le dimissioni nel caso che a Bruno Contrada (non ho capito bene) non venga concessa la grazia dal Capo della Stato o non venga di nuovo ricoverato in ospedale o non ho capito cos'altro ancora…
Di certo sappiamo l'opinione sulla vicenda del sen. forzista nonché pregiudicato Lino Jannuzzi.

Sappiamo cosa dichiarò riguardo la posizione di Rita Borsellino (vedi post precedenti) sulla grazia a Contrada: “La signora Rita Borsellino evidentemente non sa di che cosa parla e probabilmente è essa stessa vittima degli intrighi di Palazzo che hanno tentato di attribuire a Bruno Contrada persino dirette responsabilità nella strage di via D’Amelio, dove perse la vita suo fratello Paolo assieme agli agenti della scorta”.
Sappiamo tutti, o almeno dovremmo sapere cosa pensano i boss mafiosi del nostro pregiudicato-senatore-giornalista-forzista.
E cioè, che è il loro giornalista preferito (insieme a Ferrara).
Celebre l'intercettazione nella quale il boss Guttadauro, parlando con l'amico mafioso Aragona, organizzava una campagna stampa a favore dei colleghi detenuti. Al telefono, Aragona  segnala subito Giuliano Ferrara e lo stesso Lino Jannuzzi che «Ha scritto un libro contro Caselli e un libro pure su Andreotti ed in è in intimissimi rapporti con Dell'Utri», al che Guttaduaro rispose «Jannuzzi buono è!».
E se lo dicono loro... una garanzia è!!!
Queste si che sono ottime referenze.




29 dicembre 2007

Ancora su Contrada. Finalmente in merito due paroline di Marco

 Dal Sisde alla Mafia la carriera de «’u Dutturi»*       


Sulle «ragioni umanitarie di eccezionale urgenza» che hanno indotto il ministro Mastella a istruire immediatamente la pratica per la grazia a Bruno Contrada... condannato definitivamente sette mesi fa a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, bastano le considerazioni di Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo: «Il giudice di sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere si è pronunciato il 12 dicembre contro il differimento della pena del Contrada poiché le patologie dello stesso potrebbero essere curate in carcere o in apposite strutture esterne. Se peraltro tutti gli affetti di patologie come il diabete dovessero avanzare domanda di grazia e ottenerla in tempi così rapidi, il sovraffollamento delle carceri sarebbe rapidamente risolto».

Se poi Contrada non avesse avviato lo sciopero della fame, ma avesse continuato a nutrirsi, le sue condizioni di salute sarebbero senz’altro migliori. Il detenuto malato dev’essere curato, nell’infermeria del carcere o in ospedale, secondo le leggi vigenti, non essendo la grazia una terapia anti-diabete. Quanto alle ragioni giuridiche di un’eventuale clemenza, sono ancor più deboli di quelle umanitarie. Mai è stato graziato un personaggio di quel calibro condannato per mafia. E mai è stato graziato un condannato a distanza così ravvicinata dalla sua condanna (Contrada ha scontato 7 mesi dei 10 anni previsti). Si è molto discusso, a proposito di Adriano Sofri, se il candidato alla grazia debba almeno chiederla o possa riceverla d’ufficio, se debba accettare la sentenza o la possa rifiutare: ma, se anche prevalesse la seconda tesi, sarebbe ben strano graziare un signore, stipendiato per una vita dallo Stato, che ha dipinto i suoi giudici come strumenti in mano alla mafia per condannare un nemico della mafia, giudici al servizio di «un manipolo di manigoldi, di criminali, di pendagli da forca che hanno inventato le cose più assurde mettendosi d’accordo». E tuttora chiede la revisione del processo. Graziarlo addirittura prima dell’eventuale revisione, significherebbe usare impropriamente la clemenza per ribaltare il verdetto della Cassazione: un’invasione di campo del potere politico in quello giudiziario. Ultimo punto: sollecitata per un parere dal giudice di sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere, la Procura di Palermo ha risposto che Contrada non risulta aver mai interrotto i suoi rapporti con Cosa Nostra, ragion per cui si ritiene che potrebbe - una volta libero - riallacciarli.
Restano da esaminare le possibili ragioni «politiche» di tanta fretta. Ragioni che risalgono alle sua lunga e controversa carriera di poliziotto e agente segreto alle dipendenze dello Stato, ma al servizio dell’Antistato. Già capo della Mobile e della Criminalpol di Palermo, già numero tre del Sisde (alla guida del dipartimento Criminalità organizzata) fino al Natale del 1992, quando fu arrestato, Contrada è indicato come trait d’union fra Stato e mafia non solo da una ventina di mafiosi pentiti, ma pure da una gran quantità di autorevolissimi testimoni. A cominciare dai colleghi di Giovanni Falcone, che raccontano al diffidenza che il giudice nutriva nei confronti di «’u Dutturi»: i giudici Del Ponte, Caponnetto, Almerighi, Vito D’Ambrosio, Ayala. E poi Laura Cassarà, vedova di Ninni (uno dei colleghi di Contrada alla Questura di Palermo assassinati dalla mafia mentre lui colludeva con la mafia). Tutti a ripetere davanti ai giudici di Palermo che Contrada passava informazioni a Cosa Nostra, incontrando anche personalmente alcuni boss, come Rosario Riccobono e Calogero Musso. Nelle sentenze succedutesi in 15 anni, si legge che Contrada concesse la patente ai boss Stefano Bontate e Giuseppe Greco; che agevolò la latitanza di Riina e la fuga di Salvatore Inzerillo e John Gambino; che intratteneva rapporti privilegiati con Michele e Salvatore Greco; che spifferava segreti d’indagine ai mafiosi in cambio di favori e regali (come i 10 milioni di lire accantonati dal bilancio di Cosa Nostra, nel Natale del 1981, per acquistare un’auto a un’amante del superpoliziotto); che ha portato al processo falsi testimoni a sua difesa. Decisivo il caso di Oliviero Tognoli, l’imprenditore bresciano arrestato in Svizzera nel 1988 come riciclatore della mafia. Secondo Carla Del Ponte, che lo interrogò a Lugano insieme a Falcone,Tognoli ammise che a farlo fuggire dall’Italia era stato Contrada, anche se, terrorizzato da quel nome, rifiutò di metterlo a verbale. Poi, in un successivo interrogatorio, ritrattò. Quattro mesi dopo, Cosa Nostra tentò di assassinare Falcone e la Del Ponte con la bomba all’Addaura. Nemmeno Borslelino si fidava di Contrada. E nemmeno Boris Giuliano: finì anche lui morto ammazzato. Il che spiega, forse, lo sconcerto dei familiari delle vittime della mafia all’idea che lo Stato, dopo aver speso 15 anni per condannare Contrada, impieghi 7 mesi per liberarlo. Ma c’è un ultimo capitolo, che sfugge alle sentenze:uno dei tanti tasselli che compongono il mosaico del «non detto», o dell’«indicibile» sulla strage di via d’Amelio, dove morì Borsellino con gli uomini della sua scorta (ancora oggetto di indagini della Procura di Caltanissetta, che pure ha archiviato la posizione di Contrada). Quel pomeriggio del 19 luglio ’92 Contrada è in gita in barca al largo di Palermo con gli amici Gianni Valentino (un commerciante in contatto col boss Raffaele Ganci) e Lorenzo Narracci (funzionario del Sisde). Racconterà Contrada che, dopo pranzo, Valentino riceve una telefonata della figlia «che lo avvertiva del fatto che a Palermo era scoppiata una bomba e comunque c’era stato un attentato. Subito dopo il Narracci, credo con il suo cellulare, ma non escludo che possa anche aver usato il mio, ha chiamato il centro Sisde di Palermo per informazioni più precise». Appreso che la bomba è esplosa in via d’Amelio, dove abita la madre di Borsellino, Contrada si fa accompagnare a riva, passa da casa e, in serata, giunge in via d’Amelio. Ma gli orari - ricostruiti dal consulente tecnico dei magistrati, Gioacchino Genchi - non tornano. L’ora esatta della strage è stata fissata dall’Osservatorio geosismico alle 16, 58 minuti e 20 secondi. Alle 17 in punto, cioè 80 secondi dopo l’esplosione, Contrada chiama dal suo cellulare il centro Sisde di via Roma. Ma, fra lo scoppio e la chiamata, c’è almeno un’altra telefonata: quella che ha avvertito Valentino dell’esplosione. Dunque, in 80 secondi, accadono le seguenti cose: la bomba sventra via d’Amelio; un misterioso informatore (Contrada dice la figlia dell’amico) afferra la cornetta di un telefono fisso (dunque non identificabile dai tabulati), forma il numero di Valentino e l’avverte dell’accaduto; Valentino informa Contrada e gli altri sulla barca; Contrada afferra a sua volta il cellulare, compone il numero del Sisde e ottiene la risposta dagli efficientissimi agenti presenti negli uffici solitamente chiusi di domenica, ma tutti presenti proprio quella domenica. Tutto in un minuto e 20 secondi. Misteri su misteri. Come poteva la figlia di Valentino sapere, a pochi secondi dal botto, che - parola di Contrada - «c’era stato un attentato»? Le prime volanti della polizia giunsero sul posto 10-15 minuti dopo lo scoppio. E come potevano, al centro operativo Sisde, sapere che era esplosa una bomba in via D’Amelio già un istante dopo lo scoppio? Le prime notizie confuse sull’attentato sono delle 17.30. Escludendo che la figlia di Valentino e gli uomini del Sisde siano dei veggenti, e ricordando i rapporti del commerciante con i Ganci, viene il dubbio che l’informazione sia giunta da chi per motivi - diciamo così - professionali, ne sapeva molto di più. Qualcuno che magari si trovava appostato in via D’Amelio, o nelle vicinanze, in un ottimo punto di osservazione più distante (il Monte Pellegrino, dove sorge il castello Utveggiom sede di alcuni uffici del Sisde in contatto con un mafioso coinvolto nella strage). E attendeva il buon esito dell’attentato per poi comunicarlo in tempo reale a chi di dovere. Prima di concedere la grazia a Contrada, si dovrebbe almeno pretendere che dica la verità su quel giorno. Altrimenti qualcuno potrebbe sospettare - con i parenti delle vittime - che lo si voglia liberare prima che dica la verità.
UNITA' -  27 DICEMBRE 2007

* "Contrada, il dottor morte". Questo il titolo dello stesso articolo postato da Marco sul blog: voglioscendere.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. borsellino falcone contrada mafia

permalink | inviato da tgweb il 29/12/2007 alle 16:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



27 dicembre 2007

ancora a proposito di Contrada. Grazia?

Vi segnalo il post di Grillo a riguardo.
Lo trovo molto interessante!

Grazia per Vallanzasca

discorso_Borsellino.jpg
Clicca il video

Mastella non si ferma neppure a Natale. Ha chiesto la grazia per Bruno Contrada, l’ex dirigente del SISDE condannato a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Il presidente Napolitano ha trasmesso la richiesta ricevuta dall’avvocato di Contrada.
Mastella ha detto
che: “La grazia a Contrada è un atto dovuto”. Non ha specificato a chi. A eventuali politici coinvolti nelle stragi mafiose? Alla criminalità organizzata? Gli italiani non hanno chiesto nulla al ministro di Grazia e Indulto (di Giustizia non se ne parla mai). >>continua>>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. grillo contrada falcone borsellino mafia

permalink | inviato da tgweb il 27/12/2007 alle 16:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



26 dicembre 2007

Grazia a Contrada?

  
La procedura accelerata di grazia a Bruno Contrada rivela un'altra anomalia del nostro Paese.
Riporto le "Ansa" riguardanti il caso Contrada con le dichiarazioni di disaccordo di Rita Borsellino e della "Associazione familiari vittime via dei Georgofili".


Rita Borsellino: grave concedergli la grazia

PALERMO - Rita Borsellino, sorella del magistrato ucciso nella strage di via d'Amelio, chiederà un incontro al capo dello Stato Giorgio Napolitano in merito al dibattito in corso sulla concessione della grazia all'ex numero tre del Sisde, Bruno Contrada, che lei giudica grave. "Ritengo questa ipotesi estremamente grave - dice Borsellino - Contrada è stato condannato per reati commessi tradendo la sua funzione di servitore dello Stato, quello stesso Stato per cui Giovanni, Paolo e tanti altri rappresentati delle istituzioni hanno consapevolmente dato la vita". Rita Borsellino aggiunge: "Comprendo i sentimenti di pietà che si possono avere nei confronti di un uomo nelle condizioni di Contrada, ma la sua vicenda giudiziaria ha sempre lasciato l'alea del dubbio sul fatto che il dirigente del Sisde abbia detto fino in fondo ciò che sapeva sulle complicità di parte delle istituzioni con l'organizzazione mafiosa". Per la Borsellino "coloro che si accingono a decidere devono sapere che questo dubbio si riaccenderà anche sul loro operato". "Uno Stato deve sapere distinguere e ricordare - conclude - altrimenti il rischio, dirompente per un Paese democratico fondato sulla giustizia, è che domani possa apparire legittima e dovuta anche la grazia ai boss mafiosi. La mia richiesta al Capo dello Stato è da sorella di Paolo ma anche da parlamentare e da cittadina italiana".

Contrada, critiche a Mastella
Familiari vittime strage di mafia: ''Singolare tempismo''

(ANSA)-PALERMO, 25 DIC - Critiche alla decisione di Mastella di avviare l'iter per la grazia a Contrada anche dall'Associazione familiari vittime via dei Georgofili. 'Alquanto singolare'', secondo Giovanna Maggiani Chelli, 'concedere in tempi brevi la grazia' all'ex numero tre del Sisde, condannato a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa. L'associazione rappresenta le 5 vittime della strage compiuta dalla mafia il 27 maggio '93 con un'autobomba a via dei Georgofili a Firenze.

Ecco chi si aggiunge e chi è contro la posizione di Rita Borsellino. Da Repubblica le dichiarazioni all'indomani da parte della FONDAZIONE CAPONNETTO, R. SCOPELLITI, ECC..
..e ancora dal Corriere >>>


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella contrada falcone borsellino mafia

permalink | inviato da tgweb il 26/12/2007 alle 13:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



17 novembre 2007

vittime di mafia? valgono meno di quelle del terrorismo.


Morti di serie B



Totò paragonava la morte alla “livella” che, alla fine della vita, rende finalmente tutti uguali. Ma, per sua fortuna, non aveva visto all’opera il Parlamento italiano della XV legislatura, che due giorni fa, approvando la legge finanziaria, ha deciso di tenere separate le sorti delle vittime del terrorismo da quella delle vittime della mafia. Le prime ricevono dallo Stato un sussidio più che doppio rispetto alle seconde. Le vite dei magistrati, poliziotti, carabinieri, giornalisti, politici, sacerdoti, semplici cittadini ammazzati dai mafiosi valgono meno di quelle di chi ha avuto la fortuna di essere assassinato dai brigatisti rossi e neri.

Per questo Sonia Alfano e Tina Montinaro, rispettivamente figlia del giornalista Beppe ammazzato da Cosa Nostra e vedova di Antonio ucciso nella strage di Capaci mentre faceva da scorta a Giovanni Falcone, sono da due giorni incatenate alla cancellata della Prefettura di Palermo, insieme ai parenti di altre vittime “di serie B”, cioè delle cosche. >>continua >>
Marco Travaglio su voglioscendere.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. terrorismo annozero mafia lumia alfano montinaro

permalink | inviato da tgweb il 17/11/2007 alle 13:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno        febbraio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom